È un successo il lancio del cargo spaziale russo Progress MS-5 verso la Stazione Spaziale Internazionale

Il cargo spaziale Progress MS-5 al decollo su un razzo Soyuz U (Immagine NASA TV)
Il cargo spaziale Progress MS-5 al decollo su un razzo Soyuz U (Immagine NASA TV)

Poche ore fa la navicella spaziale Progress MS-5 è decollata su un razzo vettore Soyuz U dal cosmodromo kazako di Baikonur. Dopo circa nove minuti si è separata con successo dall’ultimo stadio del razzo e si è immessa sulla sua rotta. Il cargo spaziale ha iniziato la missione di rifornimento alla Stazione Spaziale Internazionale indicata anche come Progress 66.

Il cargo spaziale Progress MS-5 trasporta un totale di oltre 2,4 tonnellate di rifornimenti di vario tipo tra cibo, acqua, aria, ossigeno, propellente e altro ancora come una serie di prodotti per l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale, vari esperimenti scientifici, strumenti e hardware vario.

Questi sono i freddi dati ma per l’agenzia spaziale russa Roscosmos questa missione è importante dopo il fallimento della precedente. Il cargo spaziale Progress MS-4 era stato lanciato il 1 dicembre 2016 ma si era separato in anticipo dal terzo stadio del razzo Soyuz U ed era precipitato al suolo.

L’indagine che aveva seguito l’incidente aveva indicato un problema nel terzo stadio e in particolare un malfunzionamento nel motore RD-0110. Secondo gli investigatori, un detrito era penetrato nel motore oppure un errore nella produzione aveva permesso che fosse presente fin dall’inizio.

Per sicurezza, il motore del terzo stadio del razzo Soyuz che ha lanciato il cargo Progress MS-5 è stato sostituito con uno di un diverso gruppo di produzione. Ciò perché alcuni problemi di qualità sono stati riscontrati in quelli prodotti dall’appaltatore che ha costruito il motore che si è guastato.

Si tratta anche dell’ultimo lancio effettuato usando il razzo vettore Soyuz U. Negli anni scorsi Roscosmos ha cominciato a testare un’altra versione del razzo, la Soyuz 2.1a, già da tempo in uso per altre missioni spaziali. D’ora in poi essa verrà impiegata per lanciare tutti i cargo spaziali Progress.

Per ora Roscosmos continua a usare la rotta che richiede due giorni di viaggio perché sono ancora necessari test dei sistemi che devono essere usati nelle fasi successive al lancio per comunicare con le navicelle spaziali Progress e Soyuz. Questi sistemi sono stati installati alcuni mesi fa a ancora non si sa quando saranno dichiarati pronti per usare la rotta veloce da sei ore.

Per questo motivo è previsto che il cargo spaziale Progress MS-5 raggiunga la Stazione Spaziale Internazionale venerdi, attorno alle 9.34 italiane. La Progress ha un sistema automatizzato di attracco perciò raggiungerà da sola il modulo Pirs.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *