Sette pianeti rocciosi confermati nel sistema TRAPPIST-1

Concetto artistico dei pianeti del sistema TRAPPIST-1 (Immagine NASA/JPL-Caltech)
Concetto artistico dei pianeti del sistema TRAPPIST-1 (Immagine NASA/JPL-Caltech)

La NASA ha tenuto una conferenza stampa per comunicare nuovi risultati nelle ricerche sul sistema della stella TRAPPIST-1. Questi risultati sono stato anche descritti in un articolo pubblicato sulla rivista “Nature”. Utilizzando dati raccolti dal telescopio Spitzer della NASA, un team di ricercatori guidato da Michaël Gillon dell’Istituto di ricerca Space sciences ha confermato l’esistenza di ben 7 pianeti in questo sistema, tutti rocciosi. Potenzialmente, almeno in qualche regione di tutti quei pianeti potrebbe esserci acqua liquida.

Fin dall’annuncio avvenuto nel maggio 2016 della rilevazione di esopianeti orbitanti attorno alla minuscola stella TRAPPIST-1 c’è stato molto entusiasmo da parte dei ricercatori per le possibilità che si stavano aprendo. Anche in quel caso il team di ricercatori era guidato a Michaël Gillon e assieme ai suoi collaboratori aveva annunciato la scoperta di tre pianeti rocciosi potenzialmente abitabili. Tuttavia, c’era la possibilità che altri pianeti esistessero in quel sistema e le previsioni più ottimistiche si sono avverate.

Dopo le prime scoperte, molte altre osservazioni del sistema di TRAPPIST-1 sono cominciate per capire quanti pianeti ci fossero e possibilmente capire quali fossero le loro dimensioni e masse. Per fare ciò quel sistema è stato osservato da una serie di telescopi, parecchi al suolo ma anche dal telescopio spaziale Spitzer, ottenendo una grande mole di dati che hanno permesso di capire meglio quanti pianeti orbitassero attorno alla stella.

Il telescopio spaziale Spitzer ha una posizione ottimale per osservare i passaggi dei pianeti davanti alla stella TRAPPIST-1. Ciò non faceva parte della missione originale di Spitzer ma dopo l’esaurimento dell’elio liquido che raffreddava parte dei suoi strumenti alla NASA hanno trovato il modo di regolare gli strumenti utilizzabili per questo tipo di osservazioni. In questo caso è stato impiegato addirittura per 500 ore quasi continue.

TRAPPIST-1 è una nana ultra-fredda il cui sistema assomiglia più a Giove con le sue lune che al sistema solare. La stella ha una dimensione di poco superiore a quella di Giove anche se la sua massa è oltre 80 volte quella del pianeta gigante gassoso. I 7 pianeti ora confermati sono tutti rocciosi e simili per dimensioni, che sono almeno comparabili a quelle della Terra ma in un paio di casi davvero simili.

I 7 pianeti sono davvero vicini alla stella TRAPPIST-1, tanto che perfino il più lontano è ben più vicino ad essa di quanto Mercurio lo sia al Sole. Tuttavia, la luce di questa minuscola stella è talmente fioca che a quelle brevi distanze i pianeti ricevono una quantità di energia che potrebbe essere adatta a mantenere l’acqua liquida su almeno parte della loro superficie in presenza di un’atmosfera paragonabile a quella terrestre.

In sostanza, ci sono 7 pianeti potenzialmente abitabili anche se ci sono tanti punti di domanda per cui ci sono tante ipotesi ma al momento nessuna certezza. I pianeti più vicini potrebbero essere più simili a Venere, quelli più lontani più simili a Marte. Se alcuni non avessero un’atmosfera sarebbero più simili a Mercurio. Insomma, ci sono tanti motivi per essere entusiasti di questa scoperta ma ce ne sono anche tanti per essere cauti.

I 7 pianeti sono relativamente vicini tra loro e i loro periodi orbitali sono compresi tra 1,5 e 12,4 giorni terrestri perciò ci sono continue congiunzioni. Per questo motivo se forme di vita fossero emerse su uno di essi e alcune specie avessero spore sarebbe relativamente facile per esse migrare sugli altri pianeti, fecondando quelli in cui le condizioni sono sufficientemente favorevoli. Un’ipotesi pazzesca è quella di una biosfera che include tutti i pianeti.

Questa nuova scoperta porterà a intensificare ulteriormente le ricerche sul sistema TRAPPIST-1 e a cercare altri esopianeti attorno a piccole stelle con il telescopio TRAPPIST ma anche con altri strumenti. Il sistema TRAPPIST-1 è già un candidato per nuove osservazioni da effettuare quando verrà lanciato il telescopio spaziale James Webb e quando l’ESO attiverà il telescopio E-ELT (European Extremely Large Telescope) per raccogliere informazioni più precise su quegli esopianeti.

Concetto artistico del panorama visibile dal pianeta TRAPPIST-1e (Immagine NASA/JPL-Caltech)
Concetto artistico del panorama visibile dal pianeta TRAPPIST-1e (Immagine NASA/JPL-Caltech)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *