Tre stelle fuggitive formavano un sistema multiplo nella Nebulosa di Orione

Le stelle fuggitive e le loro varie posizioni (Immagine NASA, ESA, K. Luhman (Penn State University), and M. Robberto (STScI))
Le stelle fuggitive e le loro varie posizioni (Immagine NASA, ESA, K. Luhman (Penn State University), and M. Robberto (STScI))

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal Letters” descrive una ricerca su quello che era un sistema multiplo nella Nebulosa di Orione. Un team di ricercatori guidato da Kevin Luhman della Penn State University ha utilizzato il telescopio spaziale Hubble per scoprire una stella fuggitiva che faceva parte del sistema originale assieme ad altre due stelle già conosciute che stanno viaggiando anch’esse a velocità elevate. Le tre stelle erano parte di un unico sistema fino a circa 540 anni prima.

Le stelle protagoniste di questa ricerca sono state scoperte a decenni di distanza l’una dall’altra. La prima, chiamata Becklin-Neugebauer (BN), venne scoperta nel 1967 esaminando immagini agli infrarossi ma venne riconosciuta come stella fuggitiva solo nel 1995 grazie a osservazioni radio che permisero di stimare la sua velocità a circa 96.500 km/h.

La seconda stella, chiamata source I, è stata rilevata solo tramite osservazioni radio perché è situata molto all’interno della Nebulosa di Kleinmann-Low, vicino alla parte centrale della Nebulosa di Orione. Ciò la rende quasi invisibile alle frequenze ottiche e infrarosse mentre le onde radio riescono ad attraversare i gas e le polveri della nebulosa. La sua velocità è stata stimata a circa 35.500 km/h.

La terza stella, chiamata source x, è stata rilevata nel corso di un’altra ricerca il cui scopo era quello di trovare pianeti nella Nebulosa di Orione. Kevin Luhman faceva parte del team di ricercatori che stava utilizzando il telescopio spaziale Hubble e durante un’analisi di rilevazioni agli infrarossi basata sul confronto delle nuove immagini scattate nel 2015 e altre scattate nel 1998 si accorse che source x si era spostata notevolmente rispetto alle stelle vicine. La sua velocità è stata stimata a circa 210.000 km/h.

Dopo la sua scoperta, i ricercatori hanno seguito la traiettoria di source x per trovare la sua origine e hanno scoperto che è la stessa area da cui sono partite BN e source I circa 540 anni prima. Probabilmente le influenze gravitazionali esercitate dalle tre stelle hanno finito per disgregare il sistema spingendole verso l’esterno della Nebulosa di Kleinmann-Low.

La scoperta di source x risolve un problema che riguardava la coppia BN – source I: esse sembravano parte di un unico sistema che si era per qualche motivo disgregato ma la loro energia combinata risultava troppo bassa per spingerle in direzioni opposte a quelle velocità. Per questo motivo, gli scienziati avevano ipotizzato che quel sistema avesse incluso almeno un’altra stella che è risultata essere source x.

Queste tre stelle costituiscono il più giovane esempio di sistema disgregato perché hanno probabilmente un’età di qualche centinaio di migliaia di anni, praticamente neonate in termini astronomici. Sono così giovani che le immagini agli infrarossi mostrano attorno ad esse residui di dischi di materiali da cui si sono formate. Sono tutti fattori che le rendono particolarmente interessanti anche per ricerche future con telescopi di prossima generazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *