Un cratere triplo nella regione di Terra Sirenum su Marte

Il cratere triplo nella regione di Terra Sirenum su Marte (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)
Il cratere triplo nella regione di Terra Sirenum su Marte (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

L’ESA ha pubblicato alcune nuove fotografie scattate dalla sonda spaziale Mars Express che mostrano un curioso cratere nella regione di Terra Sirenum su Marte. Si tratta di un cratere dalla forma allungata avendo una lunghezza di circa 45 chilometri e una larghezza di circa 24 chilometri. Probabilmente è il frutto dell’impatto di un asteroide che si è spezzato in tre parti quand’era ancora sopra la superficie provocando il triplo impatto di frammenti ancora molto vicini. I depositi sedimentari sul fondo del cratere suggeriscono che anticamente esisteva acqua in quella regione di Marte.

L’ampia regione di Terra Sirenum nell’emisfero sud del pianeta Marte è piena di crateri ma quello triplo è decisamente fuori dal normale. Ci sono vari crateri sovrapposti ma si tratta di casi in cui per una coincidenza un impatto è avvenuto molto vicino all’area colpita in uno precedente. Il cratere triplo è il risultato di un evento avvenuto allo stesso tempo perché gli strati di detriti gettati all’esterno sembrano continui e c’è uno spessore uniforme attorno al cratere.

La differenza rispetto a un cratere formato da impatti successivi è visibile in quello sopra il cratere triplo allungato. C’è infatti un grande cratere principale con due crateri più piccoli sovrapposti ad esso che hanno bordi ben definiti. Ciò indica che i due piccoli crateri si sono formati quando quello principale si era già stabilizzato.

L’ipotesi più probabile riguardo all’origine del cratere allungato è che un asteroide si sia frammentato mentre stava precipitando nell’atmosfera di Marte e che i tre frammenti abbiano colpito il suolo così vicini da creare quel cratere. L’asteroide potrebbe però essersi spezzato a causa dell’impatto e due grandi frammenti potrebbero aver creato altri due crateri sovrapposti al primo. Secondo un’ipotesi un po’ diversa l’impatto è stato causato da due o tre asteroidi legati dalla loro forza di gravità che di conseguenza hanno colpito Marte assieme.

Un altro motivo di interesse riguardo a questo cratere triplo arriva dalle analisi spettrali di minerali argillosi identificati al suo interno. Sia lo spettrometro OMEGA  bordo della sonda spaziale Mars Express che lo spettrometro CRISM a bordo della sonda spaziale Mars Reconnaissance Orbiter della NASA hanno contribuito a mappare la presenza di questi minerali in varie zone della regione di Terra Sirenum.

La presenza di minerali argillosi indica che anticamente c’era acqua liquida in quella regione. È possibile che i crateri più antichi fossero stati riempiti d’acqua formando laghi oltre 3,7 miliardi di anni fa. Ormai lo studio delle antiche tracce geologiche e idrologiche sulla superficie di Marte mostrano regolarmente che il pianeta rosso quand’era giovane era molto più simile alla Terra.

Vista in prospettiva del cratere triplo nella regione di Terra Sirenum su Marte (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)
Vista in prospettiva del cratere triplo nella regione di Terra Sirenum su Marte (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *