Secondo una ricerca le stelle di piccola massa nascono in coppie, compreso il Sole

Coppia di stelle in un nucleo ovale denso nella nube di Perseo (Immagine cortesia SCUBA-2 survey image by Sarah Sadavoy, CfA)
Coppia di stelle in un nucleo ovale denso nella nube di Perseo (Immagine cortesia SCUBA-2 survey image by Sarah Sadavoy, CfA)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” descrive uno studio sulla diffusione di sistemi binari composti da stelle di piccola massa. Gli astronomi Sarah Sadavoy dello Smithsonian Astrophysical Observatory e Steven Stahler dell’Università di Berkeley hanno studiato stelle giovanissime nella nube molecolare della costellazione di Perseo concludendo che quel tipo di stelle nasce sempre in coppie, Sole compreso.

Le osservazioni mostrano che i sistemi formati da due o più stelle sono comuni ma per molto tempo gli astronomi si sono chiesti se fossero nati così o se si trattasse di stelle nate separatamente e solo successivamente unite da legami gravitazionali. Varie ricerche stanno facendo luce sui dettagli dei meccanismi di formazione stellare grazie anche all’osservazione di stelle molto giovani. Questa ricerca si è concentrata sulle stelle di piccola massa, come il Sole o più piccole, per cercare di capire se è normale che due o più stelle nascano assieme.

Tra il 2013 e il 2015 l’indagine VLA Nascent Disk and Multiplicity (VANDAM) ha raccolto immagini della nube molecolare di Perseo, un’enorme nube di gas e polveri a circa 750 anni luce dalla Terra. In alcune regioni al suo interno è avvenuta la formazione di varie stelle rappresenta un perfetto soggetto per lo studio delle prime fasi della loro vita. Uno dei team che ha studiato quei dati ha rilevato due meccanismi dietro la formazione di sistemi stellari multipli dipendenti dalla distanza tra le stelle.

Nella ricerca condotta da Sarah Sadavoy e Steven Stahler altre osservazioni dall’indagine Gould Belt sono state combinate con quelle dell’indagine VANDAM che hanno rivelato bozzoli ovali attorno alle giovani stelle chiamati nuclei densi. Mettendo assieme tutti i dati, i due astronomi hanno creato un censimento delle popolazioni di stelle singole e doppie di Perseo, accertando che c’erano 55 giovani stelle in 24 sistemi multipli, di cui 19 binari e 5 con più di due stelle, e 45 sistemi a stella singola.

Sarah Sadavoy e Steven Stahler hanno scoperto che tutti i sistemi binari con compagne lontane, quelle la cui distanza è oltre 500 volte quella tra la Terra e il Sole, erano molto giovani, con stelle che avevano meno di 500.000 anni. Questi sistemi tendevano anche a essere allineati con l’asse più lungo del nucleo ovale denso. Le stelle binarie un po’ più anziane, fino a un milione di anni, erano compagne vicine, molte a distanza tra loro circa 200 volte quella tra la Terra e il Sole, non mostravano alcuna tendenza ad allinearsi con l’asse maggiore del nucleo ovale.

Una parte della ricerca di Sarah Sadavoy e Steven Stahler è stata basata su simulazioni per avere un’idea dei casi in cui la coppia si divide dopo la nascita. Per questo motivo è necessario verificarla ulteriormente, anche osservando altre nubi molecolari dove stanno nascendo nuove stelle. La teoria per cui le stelle di piccola massa nascono sempre in coppia rilancia l’idea che anche il Sole abbia una gemella.

Subito dopo la pubblicazione di questa ricerca sono apparse nuove speculazioni su Nemesis, l’ipotetica gemella del Sole che potrebbe essere una nana bruna, per qualcuno legata a grandi estinzioni. Sono pure speculazioni perciò è possibile che in futuro nuove scoperte permetteranno di provare definitivamente che sono errate. Ci saranno in ogni caso ricercatori interessati a cercare la gemella del Sole, che ormai potrebbe essere molto lontana.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *