Osservata per la prima volta un’irregolarità in una pulsar parte di un sistema binario

La pulsar SXP 1062
La pulsar SXP 1062

Un articolo pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” descrive la prima osservazione di un’irregolarità nel periodo di rotazione di una pulsar, un fenomeno chiamato in gergo “glitch”, in un sistema binario. Un team di scienziati dell’Università tecnica del Medio Oriente e dell’Università Baskent, entrambe ad Ankara, in Turchia, ha usato dati raccolti da osservazioni dei telescopi spaziali Swift, XMM-Newton e Chandra condotte nell’arco di due anni per individuare i glitch nella pulsar SXP 1062.

L’immagine della pulsar SXP 1062 mostra ancora attorno ad essa i resti della supernova che l’ha creata. In questi casi mettere assieme osservazioni effettuate con vari telescopi spaziali e al suolo a diverse frequenze elettromagnetiche permette di ottenere molti particolari diversi che offrono un ritratto complessivo molto più utile di quelli che qualsiasi singolo strumento potrebbe creare.

L’immagine a falsi colori della pulsar SXP 1062 (ESA / XMM-Newton / L. Oskinova, University of Potsdam, Germany / M. Guerrero, Instituto de Astrofisica de Andalucia, Spain (X-ray); Cerro Tololo Inter-American Observatory / R. Gruendl & Y. H. Chu, University of Illinois at Urbana-Champaign, USA (optical)) combina i raggi X in blu e i dati a frequenze ottiche con la firma dell’ossigeno in verde e quella dell’idrogeno in rosso.

La pulsar SXP 1062 è distante circa 200.000 anni luce dalla Terra, nella Piccola Nube di Magellano, una delle galassie nane satelliti della Via Lattea. Fa parte di un sistema binario e questo la rende speciale perché glitch vengono individuati normalmente in pulsar isolate ma finora un tale fenomeno non era mai stato rilevato in una pulsar in un sistema binario.

Secondo gli autori di questa ricerca la stella compagna di SXP 1062 contribuisce ai glitch con la sua influenza gravitazionale assieme ai resti della supernova, che la pulsar sta attirando. Quando questi materiali ricadono su di essa ne provocano l’accrescimento, che in questo caso è un fenomeno violento.

I ricercatori pensano che i resti e la stella compagna esercitino sulla pulsar SXP 1062 forze tali che a un certo punto diventano insostenibili, causando rapidi cambiamenti nella sua struttura interna, che trasferisce il momento angolare sulla crosta superficiale. Ciò provoca un cambiamento molto rapido nella rotazione della pulsar, appunto il glitch.

Le caratteristiche di questo fenomeno osservate in SXP 1062 sono diverse da quelle osservate in pulsar isolate e ciò suggerisce che l’interno delle stelle di neutroni in sistemi binari potrebbe essere diverso da quello di stelle di neutroni isolate. Per cercare di capirlo meglio, questa ricerca proseguirà usando lo strumento Neutron Star Interior Composition Explorer (NICER) della NASA, inviato nel giugno 2017 sulla Stazione Spaziale Internazionale proprio per studiare le stelle di neutroni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *