Tracce di antichissimi fiumi nella regione di Aeolis Dorsa su Marte

Tracce degli antichissimi canali di Aeolis Dorsa (Immagine cortesia Cardenas et al)
Tracce degli antichissimi canali di Aeolis Dorsa (Immagine cortesia Cardenas et al)

Un articolo pubblicato sulla rivista “GSA Bulletin” descrive una ricerca sulla regione del pianeta Marte chiamata Aeolis Dorsa. Benjamin T. Cardenas e altri colleghi della Jackson School of Geosciences all’Università del Texas a Austin hanno utilizzato immagini catturate da sonde spaziali per determinare la presenza di tracce di fiumi esistenti circa 3 miliardi e mezzo di anni fa. Quella regione contiene alcuni dei depositi fluviali più spettacolari e densi di Marte.

Aeolis Dorsa è una regione che fa parte della maglia cartografica di Aeolis, come anche due crateri in cui sono atterrati due rover della NASA: Spirit nel cratere Gusev e Curiosity nel cratere Gale. Il bacino sedimentario di Aeolis Dorsa è già stato oggetto di ricerca per la presenza di tracce di antichissimi fiumi, ad esempio quella descritta in un articolo pubblicato sulla rivista “Icarus” nel giugno 2015.

Oggi è possibile vedere i depositi sedimentari che si sono formati nel corso del periodo Esperiano, tra 3,7 e 3 miliardi di anni fa, con le superfici attuali esposte all’erosione durante quel periodo fino all’inizio di quello successivo, l’Amazzoniano. Ciò grazie al processo chiamato inversione del rilievo, dove i depositi che una volta riempivano i fiumi vengono sollevati in un modo che ora ha creato delle creste sopra la superficie di Marte.

Usando immagini ad alta risoluzione e dati topografici rilevati dagli strumenti delle sonde spaziali Mars Reconnaissance Orbiter e Mars Global Surveyor della NASA in orbita attorno a Marte, i ricercatori hanno identificato le tracce di questi depositi di origine fluviale ma anche i cambiamenti negli stili di sedimentazione controllati da cambiamenti nelle coste. Hanno anche sviluppato un metodo per misurare la direzione dell’antico trasporto del fiume per una parte di quelle creste.

In particolare, alcuni dei depositi sedimentari maggiormente esposti sono presenti nella formazione delle Medusae Fossae di Aeolis Dorsa. Le Medusae Fossae si estendono per oltre 5.000 chilometri lungo l’equatore di Marte e per questo motivo sono divise tra varie maglie cartografiche.

I ricercatori hanno trovato nelle tracce sedimentarie similitudini tra la scala degli episodi multipli di salita e calo dei livelli delle acque dei fiumi di Aeolis Dorsa e quelle dei cambiamenti nei livelli dei mari sulla Terra. In entrambi i casi, nel corso del tempo ci sono state differenze di oltre 50 metri e ciò suggerisce una stabilità nel lungo termine, non eventi idrologici catastrofici come alluvioni.

Questi cicli su Marte sono coerenti con la presenza nell’antichità di un grande lago, di un mare o addirittura di un oceano con fluttuazioni nei livelli delle acque. Non è una sorpresa visti i risultati di altre ricerche sulla geologia e il clima esistenti su Marte oltre 3 miliardi di anni fa, quando il pianeta rosso era simile alla Terra.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *