Una possibile nube di polvere potrebbe offuscare la stella di Tabby

Illustrazion di una nube di polvere attorno alla stella di Tabby (Immagine NASA/JPL-Caltech)
Illustrazion di una nube di polvere attorno alla stella di Tabby (Immagine NASA/JPL-Caltech)

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” descrive una ricerca che offre una spiegazione ai tanti rapidi cambi di luminosità notati nella stella di Tabby negli ultimi anni. Un team di ricercatori coordinati dall’Università dell’Arizona ha utilizzato dati raccolti dai telescopi spaziali Spitzer e Swift della NASA e dall’osservatorio belga AstroLAB IRIS concludendo che questo fenomeno è causato da una densa nube di polvere che orbita attorno alla stella.

Formalmente si chiama KIC 8462852 ma ormai è comunemente conosciuta come stella di Tabby o al limite stella di Boyajian, in onore di Tabetha S. Boyajian, l’astronoma che nel 2015 si rese conto che la sua luminosità cambiava rapidamente, calando fino al 20% nel giro di qualche giorno. Distante quasi 1.500 anni luce dalla Terra, si tratta di una stella di classe F3, con una massa che è circa del 40% superiore a quella del Sole e quindi una stella stabile, la cui luminosità dovrebbe rimanere praticamente costante.

Varie ipotesi sono state avanzate per cercare di spiegare un fenomeno davvero strano, perfino la presenza di una megastruttura aliena. Dal punto di vista scientifico è assolutamente lecito proporre quel tipo di ipotesi ma essa ha assunto toni sensazionalistici decisamente più vicini alle riviste di gossip che a quelle scientifiche.

Vari studi sono stati compiuti esaminando dati raccolti nell’ultimo decennio che hanno mostrato una serie di variazioni di luminosità nella stella di Tabby. Ora un team di ricercatori ritiene di aver trovato le prove che la causa di almeno una parte delle variazioni sia una densa nube di polvere.

Un modo per cercare di individuare la causa della variabilità della stella di Tabby è dato dalle frequenze elettromagnetiche che vengono maggiormente oscurate. Ciò perché diversi oggetti tra i sospetti assorbono la luce in modo diverso. Ad esempio, una delle ipotesi riguardava uno sciame di comete che passa periodicamente di fronte alla stella ma la polvere e i detriti che produrrebbe dovrebbero emettere un bagliore agli infrarossi che non è stato rilevato.

Secondo i ricercatori, le caratteristiche della luce rilevata dalla stella di Tabby indicano che la causa del calo di luminosità è formata da particelle di non più di qualche micrometro di diametro. Essi l’hanno osservata agli ultravioletti con il telescopio spaziale Swift, agli infrarossi con Spitzer e alla luce visibile all’osservatorio AstroLAB IRIS. Il calo di luminosità è stato forte agli ultravioletti ed è ciò che ha indicato ai ricercatori che le particelle devono essere più grandi della polvere interstellare.

Questa ricerca offre una possibile spiegazione al ciclo a lungo termine di variazioni di luminosità della stella di Tabby ma ci sono altre fluttuazioni irregolari. La nube di polvere teorizzata nella ricerca potrebbe avere una densità irregolare e la sua estensione è ancora da valutare bene ma la situazione potrebbe essere più complessa.

In sostanza, siamo forse all’inizio della soluzione del mistero della stella di Tabby ma servono ancora altre risposte. Le ricerche continuano da parte di vari team e qualche settimana fa è arrivato l’annuncio che un fenomeno simile è stato riscontrato anche con la stella EPIC 204278916. Non è detto che la causa sia la stessa e i futuri studi potrebbero riservare qualche sorpresa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *