A/2017 U1 è un possibile asteroide proveniente da un altro sistema solare

La traiettoria di A/2017 U1 attraverso il sistema solare (Immagine NASA/JPL-Caltech)
La traiettoria di A/2017 U1 attraverso il sistema solare (Immagine NASA/JPL-Caltech)

L’annuncio della scoperta di un possibile asteroide proveniente da un altro sistema solare ha destato sensazione. Designato come A/2017 U1, è stato individuato il 19 ottobre dal telescopio Pan-STARRS 1 alle Hawaii, parte di un sistema di osservazione del cielo usato normalmente per rilevare corpi celesti di vario tipo. Il suo moto sembra incompatibile con le traiettorie di asteroidi e comete legati gravitazionalmente al Sole perciò potrebbe trattarsi del primo corpo celeste scoperto proveniente da un’altra stella, forse Vega.

Rob Weryk dell’Istituto per l’Astronomia dell’Università delle Hawaii ha scoperto A/2017 U1 il 19 ottobre nel corso delle osservazioni notturne di routine alla ricerca di oggetti di tipo NEO (Near-Earth Object) in collaborazione con la NASA. Un controllo nell’archivio delle osservazioni ha rivelato che esso era già stato presente nelle immagini della notte precedente ma non era stato identificato dal sistema automatico.

In casi del genere, vengono rapidamente coinvolti altri telescopi, in questo caso ad esempio quello di Tenerife dell’ESA, per cercare di capire la natura e il moto dell’oggetto scoperto. È stato coinvolto anche il Center for Near-Earth Object Studies (CNEOS) della NASA, che oggi lavora all’interno del progetto Planetary Defense Coordination Office (PDCO), il programma dell’agenzia per la rilevazione e la tracciatura dei NEO aperto nel gennaio 2016 per cercare di scoprire in anticipo possibili minacce per la Terra.

Inizialmente, l’oggetto scoperto era stato considerato una cometa e di conseguenza designato come C/2017 U1 dal Minor Planet Center (MPC) ma la settimana successiva alla sua scoperta il Very Large Telescope (VLT) dell’ESO è stato usato per osservarlo e nessuna traccia della chioma che dovrebbe avere a quella distanza dal Sole è stata rilevata. Per questo motivo, la sua designazione è stata modificata in A/2017 U1 e salvo ulteriori sorprese rimarrà classificato come asteroide.

L’elevata velocità di A/2017 U1 rispetto al Sole, circa 44 km/s, ha permesso agli astronomi di farsi rapidamente un’idea della sua traiettoria, che sembra incompatibile con quella di un corpo celeste parte del sistema solare. In parole povere, è iperbolica invece che ellittica come quella degli oggetti in orbita attorno al Sole.

Le osservazioni suggeriscono che abbia una lunghezza inferiore ai 400 metri. Secondo i calcoli, ha raggiunto il perielio il 9 settembre 2017 passando a circa 24 milioni di chilometri dalla Terra il 14 ottobre. Ora si sta dirigendo verso la costellazione di Pegaso tornando sopra il piano dell’eclittica ma sarà un viaggio davvero lungo.

Le probabilità che un asteroide formato in un sistema solare passi attraverso un altro sono molto basse ma nel “vicinato” cosmico ci sono moltissime stelle perciò è normale che prima o poi simili eventi si verifichino. La possibilità che nel corso della formazione di un sistema solare vari oggetti vengano espulsi nello spazio interstellare è stata teorizzata molto tempo fa e A/2017 U1 potrebbe costituire la prima prova.

Le osservazioni di A/2017 U1 continueranno finché sarà possibile per raccogliere altri dati che potrebbero confermare che si tratta di un oggetto interstellare. Si tratta di un piccolo asteroide ma la possibilità di studiare un oggetto che al momento sembra proprio provenire da un altro sistema solare è una novità tale da interessare tutti gli astronomi del mondo.

3 Comments


  1. Buongiorno,
    alle ore 19.45 del 30 ottobre 2017, in provincia di Cremona, Italia, ho visto una palla di fuoco allungata, con riflessi verdi, scendere dal cielo verso ovest. Vorrei sapere se può essere correlata all’asteroide A/2017 U1.
    Grazie,
    Cordiali saluti,
    L.F.

    Reply

    1. No, quell’asteroide è passato a parecchi milioni di chilometri dalla Terra. Forse hai visto un meteorite bruciare nell’atmosfera.

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *