La sonda spaziale New Horizons offre le fotografie scattate più lontano dalla Terra

Foto a falsi colori di 2012 HZ84 e 2012 HE85 (Immagine NASA/JHUAPL/SwRI)
Foto a falsi colori di 2012 HZ84 e 2012 HE85 (Immagine NASA/JHUAPL/SwRI)

La NASA ha pubblicato alcune fotografie scattate dallo strumento LORRI della propria sonda spaziale New Horizons nel corso del dicembre 2017. Nel corso del suo viaggio che la porterà a un passaggio ravvicinato all’oggetto chiamato 2014 MU69, New Horizons ha scattato fotografie che hanno battuto il record che apparteneva alla Voyager 1 per le fotografie scattate più lontano dalla Terra catturando immagini dell’ammasso stellare aperto chiamato Pozzo dei Desideri e di due oggetti della Fascia di Kuiper chiamati 2012 HZ84 e 2012 HE85.

Il 14 febbraio 1990 la sonda spaziale Voyager 1 della NASA si guardò indietro e scattò la prima fotografia che includeva la maggior parte dei pianeti del sistema solare da una posizione oltre Nettuno. L’immagine venne chiamata “Pale Blue Dot” perché la Terra vi appariva come un puntolino blu pallido e includeva anche Nettuno, Urano, Saturno, Giove e Venere. In quel momento, la Voyager 1 era a circa 6,06 miliardi di chilometri dalla Terra.

Nel corso del dicembre 2017, la sonda spaziale New Horizons ha superato quella distanza dalla Terra e ormai è piuttosto lontana anche dal pianeta nano Plutone, col quale aveva avuto uno straordinario incontro ravvicinato il 14 luglio 2015. Dopo averci inviato immagini meravigliose e molti altri dati interessantissimi su Plutone e le sue lune, New Horizons ha compiuto alcune manovre che la porteranno nel giorno di Capodanno 2019 a un nuovo volo ravvicinato, stavolta con un oggetto (ma forse sono due) della Fascia di Kuiper chiamato 2014 MU69.

Nel frattempo però New Horizons sta compiendo altri lavori scientifici che non toglieranno il fiato a pubblico e astronomi ma sono comunque interessanti dal punto di vista scientifico. A quel punto però le fotografie scattate dallo strumento Long Range Reconnaissance Imager (LORRI) sono diventate quelle più lontane dalla Terra mai scattate perché la sonda spaziale ha cominciato a scattarle quand’era a circa 6,12 miliardi di chilometri dalla Terra e ogni giorno percorre circa 1,1 milioni di chilometri.

Per la precisione, il 5 dicembre 2017 la sonda spaziale New Horizons ha scattato una foto dell’ammasso stellare aperto NGC 3532, conosciuto anche in vari altri modi tra i quali il soprannome di Ammasso Pozzo dei Desideri. Dopo solo un paio d’ore, lo strumento LORRI è stato usato per scattare fotografie di due oggetti della Fascia di Kuiper chiamati 2012 HZ84 e 2012 HE85.

A questo punto ogni nuova fotografia inviata da così lontano costituirà un record. Nel corso del 2018, la sonda spaziale New Horizons continuerà il suo avvicinamento al suo obiettivo, 2014 MU69, che nel frattempo aspetta di ricevere un nome appropriato. C’erano varie proposte che vanno da Trantor, ispirato al ciclo della Fondazione di Isaac Asimov, a Tiramisu perché è un dessert gelato, a Ultima Thule perché è l’ultima frontiera ma Mjölnir, il martello di Thor, è quella che ha ricevuto più voti in un sondaggio pubblico. In attesa del volo ravvicinato del prossimo Capodanno, attendiamo la designazione ufficiale.

L'ammasso Pozzo dei Desideri (Immagine NASA/JHUAPL/SwRI)
L’ammasso Pozzo dei Desideri (Immagine NASA/JHUAPL/SwRI)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *