Cristalli di gesso nel cratere Gale su Marte

La roccia Jura (Immagine NASA/JPL-Caltech/MSSS)
La roccia Jura (Immagine NASA/JPL-Caltech/MSSS)

La NASA ha pubblicato fotografie di formazioni rocciose a forma di stella e a coda di rondine scoperte dal Mars Rover Curiosity durante l’esplorazione dell’area del cratere Gale di Marte chiamata Vera Rubin Ridge. Questo crinale sta offrendo interessanti spunti di ricerca, in questo caso cristalli di gesso simili a quelle che si possono trovare in laghi prosciugati sulla Terra, ad esempio in Scozia. Si tratta di un altro indizio del fatto che nel cratere Gale anticamente ci sia stato un lago.

La NASA sta pian pian ricostruendo la storia geologica e climatica del cratere Gale e negli ultimi mesi della Vera Rubin Ridge attraverso i dati che il Mars Rover Curiosity continua a raccogliere nell’area. Nel novembre 2017 i filtri applicati alle immagini raccolte avevano permesso di evidenziare l’ematite presente, solo l’ultimo indizio dell’antichissima presenza d’acqua.

Stavolta, l’oggetto dello studio è stata una roccia specifica, che è stata chiamata “Jura”. Per catturare immagini di piccoli oggetti nei loro dettagli, il Mars Rover Curiosity ha una macchina fotografica apposita chiamata Mars Hand Lens Imager (MAHLI). Tre immagini prese il 4 gennaio 2018 con quello strumento sono state combinate in quella in alto. Il particolare nel cerchio mostra la forma di un cristallo nell’ingrandimento sulla sinistra.

La scelta di quella roccia era dovuta al fatto che dall’orbita lo strato roccioso appariva di colore pallido e grigio mentre nel resto della Vera Rubin Ridge tende al rosso a causa della presenza di ematite. Tuttavia, i cristalli di gesso sono stati notati solo quando il Mars Rover Curiosity ha cominciato a studiare la roccia Jura perché sono molto piccoli. Varie forme tipiche di quei cristalli sono state rilevate in quella roccia.

Cristalli di quel tipo sono stati studiati in varie aree sulla Terra, ad esempio in certe rocce trovate in Scozia. Un caso tipico in cui si formano è quando un lago evapora e i sali vengono concentrati nell’acqua che rimane. Ciò è coerente con la presenza di un letto roccioso finemente laminato in quell’area del cratere Gale, che sempre di più sembra essere il prodotto della sedimentazione di un lago.

Gli scienziati della missione hanno comunque provato a fornire spiegazioni alternative alla presenza di quei cristalli di gesso perché dal punto di vista scientifico è corretto prendere in considerazioni tutte quelle plausibili. In questo caso, c’è la possibilità che si siano formati molto più tardi dai fluidi salini nel loro moto attraverso le rocce.

Non si tratta solo di un caso ipotetico perché è stato documentato dal Mars Rover Curiosity in diversi strati geologici, dove i fluidi sottrranei hanno depositato prodotti come vene minerali. Alcune rocce in quell’area hanno vene minerali con due colori diversi generati da gesso e ferro formate dopo che i sedimenti del lago si sono induriti nella roccia.

Alcune parti di roccia a forma di bastoncino sono state avvistate due giorni prima che il Mars Rover Curiosity raggiungesse Jura. Nell’immagine in basso è rappresentata un’area lunga circa 5 centimetri assemblata da fotografie scattate dallo strumento MAHLI a Capodanno 2018 in una roccia chiamata “Haroldswick”. La loro origine è incerta e la forma ha stimolato ipotesi abbastanza fantasiose nel pubblico ma le indagini continuano.

Anche se non sono stati trovati reali indizi della presenza di forme di vita nel passato, la presenza di un antico lago è interessante anche per capire se le condizioni fossero favorevoli in un passato remoto. Alcuni indizi come le reazioni chimiche che potevano avvenire in quell’ambiente meritano il lungo periodo di indagine che il Mars Rover Curiosity sta conducendo in quell’area.

La roccia Haroldswick (Immagine NASA/JPL-Caltech/MSSS)
La roccia Haroldswick (Immagine NASA/JPL-Caltech/MSSS)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *