Un possibile legame tra gli antichi oceani e gli enormi vulcani di Tharsis su Marte

I possibili oceani di Marte (Immagine cortesia Robert Citron images, UC Berkeley)
I possibili oceani di Marte (Immagine cortesia Robert Citron images, UC Berkeley)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive una ricerca sugli oceani che si formarono su Marte quando il pianeta era giovane. Un team di geofisici dell’Università della California a Berkeley ha fornito quelle che sono ritenute prove di una connessione tra la formazione di quegli oceani e il sistema vulcanico della regione di Tharsis, il più grande del sistema solare, che avrebbe scaldato la superficie abbastanza da mantenere l’acqua liquida a lungo.

Il lavoro effettuato per anni da sonde spaziali e rover ha permesso di trovare abbondanti prove del fatto che anticamente sul pianeta Marte ci fosse acqua liquida ma la ricostruzione è ancora tutt’altro che completa. Per molti versi il giovane Marte era simile alla Terra ma anche avendo un’atmosfera molto più densa di quella attuale è difficile capire come potesse essere abbastanza caldo per avere addirittura oceani. Anche le stime della quantità di acqua presente oggi nel sottosuolo rendono difficile pensare a oceani.

Questa nuova ricerca vede nei vulcani che erano molto attivi quando Marte era giovane la chiave per capire le condizioni climatiche che esistevano sul pianeta. Se il sistema vulcanico di Tharsis si è formato rapidamente e presto nella storia di Marte, può aver trasportato sulla superficie calore utile per mantenere l’acqua allo stato liquido e può aver immesso nell’atmosfera gas serra che hanno aiutato a mantenere il clima adatto ad avere oceani.

Un altro argomento usato dagli scettici riguarda le coste degli oceani ipotizzati, che sono molto irregolari con notevoli variazioni in altezza, ben diverse da quelle degli oceani terrestri. Secondo i ricercatori, il primo oceano di Marte, chiamato Arabia, si formò a partire da circa 4 miliardi di anni fa ed esistette, forse in modo intermittente, in un periodo che potrebbe raggiungere il primo 20% della crescita di Tharsis. La crescita dei vulcani avrebbe causato una depressione del terreno deformando la costa, una spiegazione per le sue caratteristiche.

Secondo questa teoria, il secondo oceano di Marte, chiamato Deuteronilus, si formò nel corso di un periodo pari a circa il 17% finale della crescita di Tharsis, circa 3,6 miliardi di anni fa. Esso potrebbe essere responsabile per quelle coste se fosse esistito prima e durante il periodo di crescita del sistema di Tharsis. Le enormi dimensioni di quel sistema vulcanico e la sua influenza sulla geologia marziana possono spiegare anche i problemi con le stime di acqua esistente nelle pianure del nord.

L’immagine mostra una rappresentazione artistica di due fasi dell’evoluzione degli oceani marziani. A sinistra in blu c’è la possibile estensione dell’oceano Arabia circa 4 miliardi di anni fa. A sinistra in blu c’è la possibile estensione dell’oceano Deuteronilus circa 3,6 miliardi di anni fa, più piccolo del precedente.

Il problema nella verifica di questa teoria sta tra le altre cose nel riuscire a datare con precisione l’evoluzione di Tharsis e delle coste. La missione InSight della NASA con un lander che dovrebbe essere lanciato fra poche settimane, costituirà un aiuto. Gli strumenti a bordo di InSight sono stati progettati per registrare l’attività sismica su Marte e attraverso le vibrazioni sarà possibile capire meglio cosa c’è nel sottosuolo, compresa la quantità d’acqua.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *