La navicella spaziale SpaceX Dragon è partita per la missione CRS-14 per conto della NASA

La navicella spaziale Dragon inizia la missione CRS-14 decollando su un razzo Falcon 9 (Foto NASA)
La navicella spaziale Dragon inizia la missione CRS-14 decollando su un razzo Falcon 9 (Foto NASA)

Poche ore fa la navicella spaziale SpaceX Dragon è partita su un razzo vettore Falcon 9 dalla base di Cape Canaveral nella missione CRS-14 (Cargo Resupply Service 14), indicata anche come SpX-14. Dopo poco più di dieci minuti si è separata con successo dall’ultimo stadio del razzo e si è immessa sulla sua rotta. Si tratta della quattordicesima missione di invio della navicella spaziale Dragon alla Stazione Spaziale Internazionale con vari carichi con il successivo ritorno sulla Terra, anche in questo caso con vari carichi.

La missione CRS-14 continua la politica di riutilizzo di SpaceX in collaborazione con la NASA. La Dragon è partita su un razzo con un primo stadio usato, la seconda volta consecutiva in un rifornimento alla Stazione Spaziale Internazionale. Il primo stadio usato per questo lancio è lo stesso usato per iniziare la missione CRS-12 ma stavolta non è stato recuperato perché l’azienda di Elon Musk ha già iniziato a usare una versione più avanzata.

Il carico della navicella spaziale Dragon è di poco più di 2,6 tonnellate tra la sezione pressurizzata e quella non pressurizzata. Ci sono circa 340 kg di cibo e altri rifornimenti per l’equipaggio della Stazione spaziale Internazionale ma la maggior parte del carico è costituita da strumenti, hardware vario e altri materiali necessari a esperimenti e ricerche scientifiche condotti a bordo della Stazione.

Tra gli strumenti trasportati sulla Dragon c’è l’Atmosphere-Space Interactions Monitor (ASIM) che, dall’esterno del modulo Columbus dell’ESA ha lo scopo di registrare i temporali e in particolare i fulmini. L’obiettivo è quello di migliorare i modelli atmosferici e meteorologici contribuendo anche alle ricerche sul clima.

Tra gli esperimenti tecnologici c’è il NASA Sample Cartridge Assembly (MSL SCA-GEDS-German) che ha lo scopo di testare un sistema di sinterizzazione a fase liquida nella microgravità della Stazione Spaziale Internazionale. In sostanza, riscaldando materiali in polvere permette di formare una fase liquida che ne accelera la solidificazione. Lo scopo è sviluppare tecniche di costruzione nello spazio.

Un altro esperimento riguardante i materiali è Materials ISS Experiment Flight Facility (MISSE-FF), una piattaforma per testare le reazioni di materiali nelle dure condizioni dello spazio. È la continuazione di precedenti esperimenti che richiedevano passeggiate spaziali per alcune fasi.

Ci sono anche esperimenti medico-biologici come un cerotto con un idrogel antimicrobico, uno per valutare la possibilità di sviluppare prodotti farmaceutivi in microgravità, uno per valutare gli effetti della microgravità sul midollo osseo e nuovi esperimenti di coltivazione di cibo sulla Stazione Spaziale Internazionale.

La navicella spaziale Dragon è ora in rotta verso la Stazione Spaziale Internazionale e tutto procede regolarmente. L’arrivo alla Stazione è previsto per mercoledi: attorno alle 13 italiane la Dragon dovrebbe essere catturata dal braccio robotico della Stazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *