L’incerta origine del cratere di Ismenia Patera su Marte

Ismenia Patera (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)
Ismenia Patera (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

L’ESA ha pubblicato nuove immagini di un cratere chiamato Ismenia Patera sul pianeta Marte catturate dalla sonda spaziale Mars Express. Il pianeta rosso è pieno di crateri ma questo è unico perché generalmente quelle formazioni sono il risultato dell’impatto di un meteorite mentre quello di Ismenia Patera potrebbe essere ciò che rimane di un supervulcano attivo quando Marte era molto giovane. Un’attività vulcanica molto violenta potrebbe aver causato la distruzione di altre tracce di un supervulcano al tempo stesso creando la strana formazione un po’ irregolare che vediamo oggi.

Ismenia Patera fa parte della regione di Marte chiamata Arabia Terra, ha un’ampiezza di circa 75 chilometri e un’area centrale circondata da una serie di piccoli rilievi e grumi rocciosi che forse derivano da materiali espulsi nel cratere da impatti nelle vicinanze. Quei materiali hanno anche creato piccoli avvallamenti e depressioni che possono essere visti all’interno del cratere.

Burroni e canali vanno dal bordo del cratere fino al suo fondo, coperto di depositi di ghiaccio che mostrano segni di flussi e movimenti. Sono probabilmente simili a ghiacciai rocciosi e ricchi di ghiaccio dove si sono accumulati con il passare del tempo grazie al clima freddo e arido. Le recenti immagini catturate dalla sonda spaziale Mars Express mostrano dettagli che potrebbero essere molto utili a determinare le origini di Ismenia Patera, ancora non chiare.

Secondo la teoria dell’impatto un meteorite ha generato il cratere originale che successivamente si è riempito di ghiaccio. Successivamente, il cratere è collassato e fenomeni erosivi hanno cominciato a generare le formazioni irregolari esistenti oggi. Secondo la teoria del supervulcano, un’antichissima eruzione gettò enormi quantità di magma nei dintorni provocando contemporaneamente il suo stesso collasso.

Non è neppure certo che sul pianeta Marte siano esistiti supervulcani. Gli scienziati stanno ricostruendo la storia geologica del pianeta rosso e quand’era giovane sicuramente l’attività vulcanica è stata anche notevole ma non basta a stabilire che ci fossero anche supervulcani, in grado di espellere quantità di materiali in una singola eruzione molto maggiori rispetto a normali vulcani.

Arabia Terra ospita un sistema di letti di antichissimi fiumi ma fu anche teatro di attività vulcanica e quindi uno dei possibili candidati alla presenza di un supervulcano. In particolare, un altro cratere di quella regione chiamato Siloe Patera, con un diametro di circa 39 chilometri, potrebbe avere quell’origine.

I dubbi sull’origine di quei crateri sono dovuti tra le altre cose ad alcune caratteristiche di Arabia Terra. L’irregolarità delle forme e la mancanza di tracce di materiali espulsi attorno al cratere sono tra quelle che suggeriscono un’origine vulcanica. Il problema è che non la indicano in modo certo perché possono essere il frutto di interazioni con l’ambiente circostante avvenute dopo l’impatto di un meteorite.

La storia di Arabia Terra e quindi anche di Ismenia Patera è complessa perciò la sua ricostruzione richiederà ulteriori studi. Si tratta di un’area di transizione tra le regioni settentrionali e quelle meridionali di Marte con differenze topografiche notevoli. Capire cosa sia successo aiuterà anche a ricostruire il collasso climatico che trasformò un pianeta che per certi versi era simile alla Terra nel deserto odierno.

Vista in prospettiva di Ismenia Patera (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)
Vista in prospettiva di Ismenia Patera (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *