Il satellite Sentinel-3B per le osservazioni della Terra è stato lanciato con successo

Il satellite Sentinel-3B al decollo su un razzo vettore Rockot (Foto ESA - S. Corvaja)
Il satellite Sentinel-3B al decollo su un razzo vettore Rockot (Foto ESA – S. Corvaja)

Poche ore fa il satellite Sentinel-3B, parte del programma GMES / Copernicus, è stato lanciato dal cosmodromo russo di Plesetsk su un razzo vettore Rockot. Dopo circa un’ora e mezza si è separato dall’ultimo stadio del razzo, chiamato Breeze KM, ha cominciato a comunicare con il centro controllo e a dispiegare i pannelli solari. La sua orbita finale è di tipo eliosincrono, che significa che passerà sopra una certa area della Terra sempre alla stessa ora locale, con un’altitudine di circa 815 chilometri.

Il programma originariamente chiamato Global Monitoring for Environment and Security (GMES) e successivamente Copernicus ha lo scopo di creare un sistema autonomo di controllo del territorio tramite una costellazione di satelliti che avranno diverse funzioni. Il satellite Sentinel-3A, il primo del suo tipo, è stato lanciato il 16 febbraio 2016 e ora, dopo qualche ritardo, il suo gemello può affiancarlo.

I dati raccolti dai satelliti Sentinel-3 vengono raccolti innanzitutto dal Copernicus Marine Environment Monitoring Service perché hanno lo scopo primario di effettuare varie misurazioni dei mari. Tuttavia, servono anche a mappare e monitorare fiumi, laghi e foreste per una serie di obiettivi legati la monitoraggio dell’ambiente.

I due satelliti Sentinel-3 ora in orbita invieranno i dati raccolti entro 3 ore dalla rilevazione. Con l’aggiunta di Sentinel-3B, i tempi tra un passaggio su un’area del pianeta e la successiva saranno dimezzati. Ciò sarà utile in particolare in caso di emergenze come inondazioni ma anche incendi.

Tutto ciò però dovrà attendere la fine della fase di test del nuovo satellite Sentinel-3B. Per condurla, nei primi mesi di operazioni esso volerà in quella che è stata definita una configurazione a tandem con il gemello Sentinel-3A, che inizialmente seguirà a una distanza di 223 chilometri. I due satelliti voleranno assieme per permettere una calibrazione degli strumenti e dell’elaborazione dei dati tra di essi.

Una volta terminata quella fase di test, il satellite Sentinel-3B verrà spostato nella sua orbita definitiva ed Eumetsat ne assumerà il controllo. A quel punto, i due satelliti Sentinel-3 saranno separati da 140 gradi mentre normalmente le coppie di satelliti sono separate da 180 gradi. Ciò permetterà a entrambi di rilevare certi fenomeni al suolo con una maggior velocità.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *