Antichissimi protoammassi galattici si stanno fondendo

Il protoammasso SPT2349-56 (Immagine ESO/ALMA (ESO/NAOJ/NRAO)/Miller et al.)
Il protoammasso SPT2349-56 (Immagine ESO/ALMA (ESO/NAOJ/NRAO)/Miller et al.)

Due articoli, uno pubblicato sulla rivista “Nature” e uno sulla rivista “Astrophysical Journal”, descrivono le osservazioni della fusione tra varie galassie di tipo starburst, caratterizzate da una notevole produzione di stelle. Due team, guidati rispettivamente da Tim Miller della Dalhousie University in Canada e della Yale University negli USA e Iván Oteo dell’Università scozzese di Edinburgo hanno usato i radiotelescopi ALMA e APEX per studiare questi eventi che sono molto antichi dato che sono avvenuti circa 1,5 miliardi di anni dopo il Big Bang.

Il team di Tim Miller, che ha pubblicato l’articolo su “Nature”, ha utilizzato il radiotelescopio ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array), inaugurato nel marzo 2013, per osservare un protoammasso indicato come SPT2349-56 formato da 14 galassie starburst che ora ci appaiono in un’area con un diametro solo quattro volte quello della Via Lattea.

I ricercatori hanno effettuato simulazioni per provare a capire come si evolverà questo protoammasso e il risultato è che si fonderanno in un’unica grande galassia. Vista la distanza enorme, circa 12,4 miliardi di anni luce, ciò dev’essere già successo perciò si tratta di una grande opportunità per vedere l’evoluzione di quel gruppo di galassie. Un ulteriore motivo d’interesse è il notevole tasso di nascita di stelle al loro interno, tra le 50 e le 1.000 volte superiore a quello esistente nella Via Lattea.

Il team di Iván Oteo, che ha pubblicato l’articolo su “Astrophysical Journal”, ha usato i radiotelescopi ALMA e APEX (Atacama Pathfinder Experiment) per trovare una situazione simile con almeno 10 galassie starburst soprannominato nucleo rosso polveroso a causa del suo colore molto rosso. Trovare un gruppo di galassie starburst assieme è stata una sorpresa perché quell’attività dovrebbe durare poco in termini astronomici dato che determina un notevole consumo di gas per creare le nuove stelle.

Questi ammassi erano stati scoperti grazie a osservazioni effettuate con il Telescopio del Polo Sud (South Pole Telescope, SPT nell’immagine in alto) americano e con l’Osservatorio spaziale Herschel dell’ESA. Per capire la natura di quelle che erano deboli macchie di luce i ricercatori hanno usato i radiotelescopi APEX e soprattutto ALMA, che hanno permesso di identificarli come protoammassi galattici.

Secondo i modelli correnti, protoammassi di quelle dimensioni sono nati per la prima volta circa 3 miliardi di anni dopo il Big Bang ma le osservazioni indicano che i due identificati in queste ricerche sono decisamente più antichi. Insomma, un’ulteriore sorpresa arrivata grazie alla potenza e sensibilità di uno strumento come il radiotelescopio ALMA.

Secondo l’astronomo Carlos De Breuck dell’ESO questa è solo la punta dell’iceberg perché ulteriori osservazioni con il radiotelescopio APEX mostrano che il vero numero di galassie con formazione stellare è probabilmente perfino il triplo. Anche lo strumento MUSE installato sul VLT dell’ESO è ora utilizzato in altre osservazioni per identificare altre galassie.

In pratica, le ricerche pubblicate sono solo l’inizio perché le scoperte di questi protoammassi galattici hanno sollevato nuove domande. Nuovi studi sono necessari per cercare di capire perché quei protoammassi si siano evoluti così rapidamente spingendo ancora una volta i nostri sguardi verso periodi in cui l’universo era ancora molto giovane.

Concetto artistico del protoammasso SPT2349-56 (Immagine ESO/M. Kornmesser)
Concetto artistico del protoammasso SPT2349-56 (Immagine ESO/M. Kornmesser)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *