Scoperta una stella sopravvissuta a una supernova in un sistema binario

La supernova SN 2001ig
La supernova SN 2001ig

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” descrive la rilevazione di una compagna della supernova di tipo IIb conosciuta come SN 2001ig. Un team di astronomi ha utilizzato il telescopio spaziale Hubble per scoprire il primo caso di sistema binario in cui una delle stelle è sopravvissuta quando la compagna è esplosa in una supernova. Le due stelle non erano solo vicine ma c’è stata un’interazione che ha avuto un’influenza sulla supernova.

La supernova SN 2001ig venne avvistata il 10 dicembre 2001 nella galassia NGC 7424, distante circa 40 milioni di anni luce dalla Terra. Negli anni successivi vari telescopi vennero usati per osservare l’evoluzione di quella supernova, catalogata come tipo IIb, anomala perché quasi tutto l’idrogeno viene perduto prima dell’esplosione. La prima ipotesi fu che la stella progenitrice avesse un vento molto veloce, tale da spingere via i suoi strati esterni, ma le ricerche successive non ne hanno trovate.

La seconda ipotesi per l’origine delle supernove di tipo IIb fu che avvengono in sistemi binari in cui una delle due stelle strappa gli strati esterni alla compagna. Il processo è illustrato nell’immagine in basso (NASA, ESA, and A. Feild (STScI)), in cui due stelle orbitano l’una attorno all’altra (1), quella più massiccia evolve più rapidamente e i suoi strati superiori le vengono strappati dalla compagna (2), la stella esplode (3) e quando la luminosità cala abbastanza la compagna può essere avvistata (4).

Il problema era verificare quell’ipotesi e il primo passo venne fatto nel 2004 grazie a osservazioni con il telescopio Gemini Sud nell’area attorno alla supernova SN 2001ig. In quel caso gli astronomi trovarono le prime possibili tracce della compagna della supernova e di conseguenza la sua possibile posizione.

Tuttavia, solo nel 2016 Stuart Ryder dell’Australian Astronomical Observatory (AAO) e il suo team sono riusciti a rilevare quella stella puntando il telescopio spaziale Hubble alle coordinate trovate 12 anni prima. La luce di quella supernova si era ormai affievolita e la sensibilità agli ultravioletti di Hubble ha permesso di scovare e fotografare l’obiettivo tanto cercato.

Nel team c’è anche Ori Fox dello Space Telescope Science Institute (STScI), che nel 2014 aveva partecipato a un’altra ricerca simile. In quel caso, Hubble aveva rilevato solo uno spettro e non un’immagine completa della compagna della supernova SN 1993J, anch’essa di tipo IIb. Questa nuova rilevazione, con una fotografia, rappresenta una prova migliore che quel meccanismo può innescare quel tipo di supernova. Il gas strappato ha formato un guscio attorno alla compagna che l’ha protetta nel corso dell’esplosione.

L’immagine in alto (NASA, ESA, S. Ryder (Australian Astronomical Observatory), and O. Fox (STScI)) mostra una parte della galassia NGC 7424 con l’area in cui la supernova è stata individuata nel riquadro più piccolo. Nei riquadri in alto vengono mostrate, in ordine, le immagini rilevate dal Very Large Telescope (VLT) dell’ESO nel 2002, dal telescopio Gemini Sud nel 2004 con l’area più interessante nel riquadro al centro il cui contenuto è mostrato nel riquadro più a destra, osservato dal telescopio spaziale Hubble nel 2016.

Questo ripo di ricerca è solo all’inizio, anche perché questa scoperta non elimina la possibilità di stelle massicce con potenti venti che spazzano via i loro strati superiori all’origine di supernove di tipo IIb. A volte meccanismi diversi possono portare allo stesso risultato perciò il prossimo passo sarà cercare ulteriori casi di supernova di quel tipo per studiarle approfonditamente.

Fasi di una supernova di tipo IIb
Fasi di una supernova di tipo IIb

2 Comments


  1. La realta` supera la fantasia !!! Forse per questo e` cosi` difficile scoprire quello che e` successo.

    Reply

    1. Diciamo che si tratta di eventi osservati a distanze enormi per cui ne vediamo solo una piccola parte perciò ci vuole comunque molta fantasia oltre che competenza per cercare di ricostruirli.

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *