La NASA tiene sotto osservazione la tempesta globale di polvere su Marte

Marte
Marte

La NASA ha attivato tutte le possibilità di studio ravvicinato della tempesta globale di polvere che sta interessando il pianeta Marte. Questo tipo di evento si verifica in genere una volta ogni tre o quattro anni marziani (tra sei e otto anni terrestri) ma ancora non è chiaro come una tempesta di polvere che inizia in scala ridotta possa ingrandirsi al punto da avvolgere l’intero pianeta. Le sonde spaziali in orbita stanno studiando in vari modi il fenomeno e il Mars Rover Curiosity sta raccogliendo dati al suolo mentre la situazione del Mars Rover Opportunity è difficile perché non può usare i pannelli solari perciò è entrato in ibernazione.

L’inizio della tempesta globale di polvere è stato osservato a partire dal 28 maggio 2018 come evento in scala ridotta per poi espandersi giorno dopo giorno. Il 19 giugno 2018 è stata riclassificata ufficialmente come evento globale, il che significa che a quel punto la tempesta avvolgeva l’intero pianeta Marte. L’immagine in alto (NASA/JPL-Caltech/MSSS) mostra il pianeta rosso fotografato dalla macchina fotografica Mars Color Imager (MARCI) della sonda spaziale Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) il 28 maggio e il 1 luglio 2018.

La quantità di polvere presente ora nell’atmosfera è notevole e costituisce un serio problema per il buon vecchio Mars Rover Opportunity perché impedisce alla luce solare di raggiungere i suoi pannelli solari e dopo qualche tempo li ha anche ricoperti. Nei giorni scorsi la NASA ha tentato più volte di mettersi in contatto con “Oppy” ma senza successo, un segno che è entrato in una modalità che potrebbe permettergli di sopravvivere alla tempesta lasciando in funzione solo un orologio che permette di attivare periodicamente il controllo dei livelli energetici per risvegliarlo pienamente se le batterie si stanno ricaricando.

L’unica buona notizia per il Mars Rover Opportunity è che la polvere che l’ha circondato funge da isolante perciò potrebbe impedire che la sua temperatura scenda a livelli critici che metterebbero in pericolo il funzionamento dei suoi sistemi. Se Oppy sopravvivrà alla tempesta, ci vorrà comunque parecchio tempo prima che i suoi pannelli solari vengano ripuliti dai venti abbastanza da poter ricaricare le batterie al punto da potersi risvegliare.

La situazione del Mars Rover Curiosity è diversa perché usa un generatore a radioisotopi che gli permette di ottenere sempre l’energia che gli serve per funzionare. Alcuni dei suoi strumenti sono utili per esaminare il tempo atmosferico, altri per studiare la polvere con la sua concentrazione e i suoi movimenti.

L’immagine in basso (NASA/JPL-Caltech/MSSS) mostra due viste dalla Mast Camera (Mastcam) del Mars Rover Curiosity al sito chiamato Duluth il 21 maggio, prima dell’inizio della tempesta, e il 17 giugno, quando aveva già investito il cratere Gale. Il colore rosso della fotografia di destra è dovuto ai granelli di polvere nell’atmosfera che filtrano alcuni colori e a un diverso tempo di esposizione necessario a scattare le due fotografie.

La tempesta globale è sotto esame anche da parte delle sonde spaziali della NASA in orbita attorno a Marte. Il Mars Odyssey usa in particolare lo strumento THEMIS instrument (Thermal Emission Imaging System) per misurare la temperatura sulla superficie e nell’atmosfera e la quantità di polvere nell’atmosfera. Il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) usa in particolare lo strumento Mars Color Imager (MARCI) per mappare l’intero pianeta controllando l’evoluzione della tempesta e il Mars Climate Sounder (MCS) per misurare i cambi di temperatura nei vari strati dell’atmosfera. MAVEN sta studiando in particolare gli strati superiori dell’atmosfera marziana, dove la polvere non arriva ma ci sono comunque conseguenze.

È difficile prevedere esattamente quanto possa durare una tempesta globale. Secondo gli scienziati durerà almeno un paio di mesi ma le informazioni sono limitate e il precedente più simile è quello del 2001. Proprio per questo motivo, il Mars Rover Curiosity e le sonde spaziali stanno raccogliendo più dati possibile nella speranza di capire meglio l’origine e l’evoluzione di questo fenomeno.

Il sito Duluth su Marte
Il sito Duluth su Marte

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *