Un possibile lago sotterraneo di acqua liquida scoperto su Marte

Rilevazioni al polo sud di Marte
Rilevazioni al polo sud di Marte

Un articolo pubblicato sulla rivista “Science” descrive la scoperta di un lago sotterraneo su Marte composto di acqua allo stato liquido. Un team di ricercatori guidato da Roberto Orosei dell’INAF e composto da ricercatori appartenenti a centri di ricerca ed università italiane (Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), Università degli studi Roma Tre, Università degli studi D’Annunzio, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e Sapienza Università di Roma) ha usato dati raccolti dal radar MARSIS della sonda spaziale Mars Express dell’ESA per raccogliere le prove che al polo sud a circa 1,5 chilometri di profondità l’acqua è liquida.

Anni di rilevazioni hanno mostrato che l’acqua era in forma liquida su Marte quando il pianeta era giovane e per molti versi simile alla Terra ma oggi le condizioni sono molto diverse. Sono stati scoperti possibili flussi d’acqua liquida sulla superficie ma si tratta di casi isolati e limitati. Ghiaccio d’acqua esiste nelle regioni polari ed è sepolto in vari strati di terreno ma qualcuno ipotizzava che nelle profondità del sottosuolo l’acqua potesse essere liquida.

La sonda spaziale Mars Express dell’ESA è dotata di MARSIS (Mars Advanced Radar for Subsurface and Ionosphere Sounding), quello che in gergo è chiamato un radar sounder, cioè un radar che funziona a frequenze tra 1,5 e 5 Mhz che tra le altre cose può effettuare rilevazioni a grande profondità, fino a 5 chilometri se le caratteristiche del terreno lo permettono. Venne proposto dall’ASI, che successivamente ne gestì la costruzione, proprio per indagare nel sottosuolo di Marte.

Rilevazioni nell’area polare meridionale di Marte sono state compiute con MARSIS nel corso della missione Mars Express ma in particolare sono state esaminate quelle compiute tra il maggio 2012 e il dicembre 2015. Esse hanno suscitato l’interesse degli scienziati perché mostrano un’area di circa 20 chilometri quadrati dove il sottosuolo è molto riflettente ed è circondato da altre aree che non lo sono.

L’immagine (Context map: NASA/Viking; THEMIS background: NASA / JPL-Caltech / Arizona State University; MARSIS data: ESA / NASA / JPL / ASI / Univ. Rome; R. Orosei et al 2018) mostra la regione del polo sud su Marte, un riquadro che mostra l’area dove è stato trovato il lago con l’impronta radar che ha identificato l’acqua e nel riquadro a destra il profilo radar del sottosuolo in quell’area.

L’analisi dei dati rilevati da MARSIS è stata lunga e complessa ma i risultati indicano che nell’area che mostra caratteristiche peculiari c’è un lago sotterreano dove l’acqua è allo stato liquido. Il fattore chiave è stato la permittività elettrica dell’area molto riflettente che corrisponde alla presenza di materiali che contengono una grande quantità d’acqua liquida.

Elena Pettinelli dell’Università Roma Tre, co-autrice della ricerca, ha paragonato questo lago marziano a certi laghi presenti sotto i ghiacci antartici. Tuttavia, la temperatura nel lago marziano è molto inferiore e ciò significa che l’acqua dev’essere estremamente salata per poter rimanere allo stato liquido.

In sostanza, la scoperta è interessante ma potrebbe non cambiare nulla sia per quanto riguarda la ricerca di forme di vita su Marte che per possibili missioni con astronauti. Le condizioni in quel lago sono ben più estreme rispetto a qualsiasi lago terrestre per temperatura e salinità perciò le forme di vita dovrebbero avere adattamenti estremi per sopravvivervi. Ciò non è impossibile ma certamente è difficile. La profondità del lago contribuisce alla difficoltà nel raggiungere l’acqua per eventuali astronauti o anche per un robot programmato per cercare di analizzarne i contenuti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *