Lo spettacolo dell’aurora boreale di Saturno

Saturno (Immagine ESA/Hubble, NASA, A. Simon (GSFC) and the OPAL Team, J. DePasquale (STScI), L. Lamy (Observatoire de Paris))
Saturno (Immagine ESA/Hubble, NASA, A. Simon (GSFC) and the OPAL Team, J. DePasquale (STScI), L. Lamy (Observatoire de Paris))

Un articolo accettato per la pubblicazione sulla rivista “Geophysical Research Letters” descrive una serie di osservazioni agli ultravioletti condotte con il telescopio spaziale Hubble dell’aurora boreale del pianeta Saturno. Un team di ricercatori ha condotto una campagna di osservazioni nel corso di sette mesi prima e dopo il solstizio d’estate settentrionale per ottenere la massima visibilità possibile per l’aurora. La coordinazione con il Gran Finale della missione Cassini ha offerto nuove informazioni sulla magnetosfera di Saturno.

La gloriosa missione della sonda spaziale Cassini è terminata il 15 settembre 2017 ma nelle settimane precedenti, durante il periodo chiamato Gran Finale, ha continuato a raccogliere dati e tra le altre cose ha compiuto rilevazioni dell’aurora boreale del pianeta Saturno. Nello stesso periodo, o strumento STIS (Space Telescope Imaging Spectrograph) del telescopio spaziale Hubble è stato utilizzato per compiere osservazioni alle frequenze ultraviolette, le uniche che permettono di vedere quell’aurora a causa della presenza dominante dell’idrogeno nell’atmosfera di questo gigante gassoso.

Non era la prima volta che il telescopio spaziale Hubble veniva utilizzato per studiare le aurore di Saturno: nel 2004 era toccato all’aurora astrale mentre nel 2009 entrambe le aurore polari vennero studiate grazie a una favorevole posizione del pianeta rispetto alla Terra in cui esso è stato visto con gli anelli di taglio ed entrambi i poli e le loro aurore osservabili contemporaneamente.

Nel 2017, la coordinazione tra Hubble e Cassini ha permesso di ottenere eccellenti risultati nello studio della magnetosfera di Saturno dato che le aurore sono generate dall’interazione del campo magnetico planetario con il vento solare. In questo caso, le immagini hanno rivelato una notevole varietà di emissioni con caratteristiche localizzate molto variabili. Ciò è dovuto alla combinazione tra il vento solare e la rapida rotazione di Saturno, che dura solo 11 ore circa.

Questa nuova aurora boreale ha mostrato due picchi di luminosità: uno all’alba e uno poco prima della mezzanotte locali. Quest’ultimo picco non era mai stato notato e potrebbe essere specifico dell’interazione del vento solare con la magnetosfera del pianeta nel periodo solstizio.

Le aurore sono un fenomeno comune, tanto che sono state osservate anche all’esterno del sistema solare ad esempio in nane brune, ma sono state rilevate differenze tra le varie aurore esaminate. Le caratteristiche dell’atmosfera costituiscono certamente un fattore come anche le interazioni con il Sole o altri corpi celesti che le generano. Ogni nuova scoperta aiuta a capire meglio questi fenomeni e il funzionamento di una magnetosfera. Nel caso della Terra ciò è davvero importante visto che costituisce uno scudo per il pianeta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *