Grazie al radiotelescopio ASKAP è quasi raddoppiato il numero di lampi radio veloci rilevati

Alcune antenne dell'ASKAP con la Via Lattea sullo sfondo (Immagine cortesia Alex Cherney/CSIRO)
Alcune antenne dell’ASKAP con la Via Lattea sullo sfondo (Immagine cortesia Alex Cherney/CSIRO)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” riporta i risultati di un’indagine sui lampi radio veloci (in inglese Fast Radio Bursts, FRB), intense emissioni radio provenienti da altre galassie. Un team di ricercatori ha utilizzato il radiotelescopio Australia Square Kilometre Array Pathfinder (ASKAP) per cercare lampi radio veloci scoprendone 20 in un anno, quasi raddoppiano il numero rilevato in precedenza. La loro analisi suggerisce che le loro caratteristiche subiscano un’evoluzione nel corso del tempo.

Rilevati per la prima volta nel 2007 analizzando dati d’archivio raccolti nel 2001, i lampi radio veloci costituiscono ancora un mistero perché emissioni radio così potenti richiedono un’energia stimata che è circa quella emessa dal Sole in 80 anni nonostante la loro durata sia di pochi millisecondi. Per questo motivo, è stato ipotizzato che vengano emessi da stelle di neutroni o da buchi neri in certe condizioni ma c’è chi suggerisce addirittura che si tratti di segnali artificiali. La loro origine è sconosciuta perciò è giusto valutare le varie possibilità, il problema finora è stato raccogliere dati ma la situazione sta migliorando.

Nell’ottobre 2012 è stato messo in funzione il radiotelescopio ASKAP della CSIRO (Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation), uno dei precursori dello SKA, il radiotelescopio di prossima generazione, nel quale verrà integrato fra qualche anno. Lo scopo dell’ASKAP è sviluppare le tecnologie che verrano impiegate nello SKA e la fase sperimentale sta fornendo risultati davvero eccellenti. La possibilità di puntare le sue antenne su diverse parti del cielo permette di osservare una superficie di 240 gradi, in parole povere circa mille volte l’area della Luna piena, in un colpo solo.

Uno strumento come ASKAP è ottimo anche per rilevare lampi radio veloci, il motivo per cui in un solo anno il numero di quelli conosciuti è quasi raddoppiato. L’analisi dei dati ha anche permesso di studiarne le caratteristiche per capire meglio che tipo di viaggio hanno effettuato attraversando distanze davvero enormi, anche di miliardi di anni luce.

Nel corso del suo viaggio, le onde elettromagnetiche di un lampo radio veloce possono passare attraverso nubi di gas. In questi casi, le diverse lunghezze d’onda che lo formano subiscono rallentamenti leggermente diversi, con la conseguenza che raggiungono la Terra in momenti leggermente diversi. L’analisi di questi tempi può fornire informazioni sulla quantità di materia attraversata dal lampo e ciò può aiutare anche a trovare quantità di materia non rilevata in altri modi come nubi intergalattiche.

Gli eccellenti risultati già ottenuti dal radiotelescopio ASKAP offrono la speranza di accumulare dati sufficienti a capire l’origine, che potrebbe non essere una sola, dei lampi radio veloci. Questo lavoro potrebbe essere continuato fra qualche anno dal suo successore, il radiotelescopio SKA, che potrebbe rilevare una quantità di lampi radio veloci perfino maggiore dopo l’integrazione dell’altro precursore, il MeerKAT in Sud Africa.

Esempi di segnali di lampi radio veloci (Immagine cortesia Ryan Shannon and the CRAFT collaboration)
Esempi di segnali di lampi radio veloci (Immagine cortesia Ryan Shannon and the CRAFT collaboration)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *