L’origine degli ammassi stellari osservata grazie al telescopio volante SOFIA

Un articolo pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” descrive lo studio di nubi molecolari dove si formano nuovi ammassi stellari. Un team di ricercatori ha utilizzato il telescopio volante SOFIA sfruttando la sua possibilità di rilevare gli infrarossi provenienti da nubi oscure dove le prime fasi della formazione stellare sono nascoste. Le osservazioni hanno offerto nuove prove che gli ammassi stellari si formano in seguito a collisioni tra nubi molecolari giganti.

Negli ultimi anni sono stati condotti molti studi di stelle neonate e stelle che sono ancora nella loro fase di formazione ma è difficile riuscire a osservare le primissime fasi di quel processo perché avviene all’interno di nubi molecolari piene di gas e polveri che bloccano moltissime frequenze elettromagnetiche. La conseguenza è che gli astronomi devono usare strumenti specifici in grado di rilevare le frequenze che riescono a uscire da quelle nubi come quelle infrarosse.

Il telescopio volante SOFIA (Stratospheric Observatory for Infrared Astronomy) è un progetto della NASA e della DLR, l’agenzia spaziale tedesca, che usa un Boeing 747SP modificato per permettere l’uso di un telescopio di 2,5 metri di diametro. È specializzato nell’astronomia infrarossa grazie al fatto che alle altitudini a cui vola, tra i 12 e i 14 chilometri, c’è molto meno vapore acqueo ad assorbire quel tipo di luce.

Grazie a questa capacità del telescopio volante SOFIA è stato ossibile studiare una nube molecolare oscura, proprio il tipo abbastanza denso da bloccare molte frequenze ma visibile agli infrarossi. Catalogata come G035.39-00.33, essa è già stata oggetto di studi precedenti per cercare di esaminare la formazione stellare al suo interno, dove sono state trovare protostelle in gran quantità che suggeriscono che vi sia un picco in quel processo. Si tratta quindi di un ottimo soggetto di studio per cercare di capire i meccanismi che possono portare alla nascita di ammassi stellari.

I ricercatori hanno usato in particolare lo spettrometro GREAT (German Receiver at Terahertz Frequencies) del telescopio volante SOFIA trovando quelle che sembrano essere due distinte componenti di gas molecolare che si stanno scontrando tra di loro a velocità che si avvicinano ai 40.000 km/h. La distribuzione e la velocità dei gas molecolari e ionizzati sono coerenti con le simulazioni di collisioni tra nubi e ciò indica che gli ammassi stellari si formano quando il gas viene compresso nell’onda d’urto creata da quel tipo di collisione.

L’immagine (NASA/SOFIA/Lynette Cook) illustra nubi molecolari circondate da involucri atomici (in verde) che sono stati rilevati da SOFIA grazie alle emissioni provenienti da carbonio ionizzato. Gli spostamenti e i movimenti nello spazio confermano le previsioni delle simulazioni di collisioni di nubi molecolari. Si tratta di osservazioni importanti per svelare i misteri dell’inizio della formazione stellare dato che su quest’argomento non c’è ancora una certezza.

Il professor Jonathan Tan della Chalmers University of Technology di Göteborg, in Svezia, e dell’Università della Virginia, negli USA, uno degli autori principali della ricerca, ha sottolineato il fatto che i dati che il suo team sta ottenendo con il telescopio volante SOFIA può davvero testare le simulazioni. Essi confermano il modello della collisione tra nubi molecolari ma il professor Tan ha spiegato che il prossimo passo è quello di usare SOFIA per osservare un numero maggiore di nubi molecolare in cui si stanno formando ammassi stellari per poter capire quanto siano comuni le collisioni nell’innescare la formazione stellare. Ciò perché è fondamentale avere ulteriori conferme o prove che esistono altri meccanismi che innescano la formazione stellare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *