È un successo l’allunaggio del lander e del rover della missione cinese Chang’e 4

Foto dell'area della Luna dove la sonda Chang'e-4 è allunata (Foto cortesia amministrazione nazionale spaziale cinese)
Foto dell’area della Luna dove la sonda Chang’e-4 è allunata (Foto cortesia amministrazione nazionale spaziale cinese)

L’amministrazione nazionale spaziale cinese ha confermato che il lander e il rover della sua missione Chang’e-4 sono atterrati sulla faccia nascosta della Luna alle 3.26 italiane di questa notte. In passato varie sonde spaziali avevano fotografato la faccia nascosta dall’orbita ma questi sono i primi veicoli che vi atterrano. La missione era cominciata il 7 dicembre con il lancio della navicella che contiene lander e del rover.

La Cina sta offrendo informazioni limitate sui progressi della missione Chang’e-4 con la conseguenza che è stato possibile seguirla solo grazie ad ai comunicati autorizzati e ad articoli basati su di essi. Sappiamo che dopo il lancio la navicella ha compiuto una serie di manovre per uscire dall’orbita terrestre, è entrata nell’orbita lunare il 12 dicembre e ha cominciato una nuova serie di manovre per modificarla. Quando in Cina era il mattino del 30 dicembre, la navicella è entrata in un’orbita ellittica di preparazione all’allunaggio.

Nella notte italiana una serie di manovre durate circa 12 minuti hanno portato la navicella nella sua discesa vicino al cratere Von Kármán. L’area è circondata da montagne alte fino a 10 chilometri perciò è stato deciso di programmare una serie di manovre che permettesse alla navicella di compiere una discesa verticale. Le manovre erano automatiche perché anche il breve ritardo nelle trasmissioni gestite usando il satellite Queqiao come ponte radio avrebbe impedito un controllo remoto.

Quando la navicella ha raggiunto i due chilometri di altitudine, il sistema automatico ha identificato grandi ostacoli come rocce o crateri. A 100 metri di altitudine, ha identificato ostacoli più piccoli manovrando per allunare su un’area piatta. L’allunaggio è avvenuto con successo.

La missione Chang’e-4 è parte dell’ambizioso programma cinese, che sta procedendo con una serie di passi verso missioni lunari con astronauti, o taikonauti per usare la loro parola, e la costruzione di una stazione spaziale nazionale. I progressi cinesi in questo campo sono presi molto seriamente e stanno contribuendo alle tensioni crescenti tra Cina e USA. L’attuale guerra economica tra le due nazioni è solo una parte del loro scontro e la corsa allo spazio potrebbe costituire un nuovo fronte. Per anni il Congresso americano ha tagliato i fondi alla NASA ma i successi dei cinesi nello spazio potrebbero ribaltare questa tendenza e portare molti americani che finora si erano disinteressati del problema a pretendere che gli USA tornino ad essere in testa nei programmi spaziali.

Sperando che la tensione tra le due nazioni non degeneri, va preso atto che la Cina sta mostrando forti motivazioni nello sviluppo dell’accesso allo spazio, che potrà avere anche risvolti militari. Per ora c’è la missione scientifica Chang’e-4 con varie analisi dell’area per capirne la composizione e la possibile presenza di ghiaccio e alcuni esperimenti, resta da vedere quali risultati le autorità cinesi decideranno di condividere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *