Ultima Thule è formato da due asteroidi più piccoli

La NASA ha pubblicato le prime immagini dettagliate dell’oggetto della Fascia di Kuiper catalogato come 2014 MU69 e soprannominato Ultima Thule. Catturate dagli strumenti LORRI e MVIC della sonda spaziale New Horizons tra 90 e 30 minuti circa prima del massimo avvicinamento, mostrano finalmente in modo chiaro la struttura a doppio lobo di quest’oggetto. In gergo, viene chiamato binario a contatto e si tratta del risultato dell’unione di due oggetti vicini che si scontrano a bassa velocità e finiscono per fondersi. Il lobo più grande è stato soprannominato Ultima e il più piccolo Thule.

Dopo il passaggio ravvicinato a Ultima Thule del 1 gennaio 2019, la sonda spaziale New Horizons ha cominciato a trasmettere i dati raccolti verso la Terra ma, data la velocità molto bassa possibile da quella distanza, ci è voluto oltre un giorno per poter vedere immagini abbastanza ravvicinate da poter finalmente stabilire quale fosse la forma di quest’oggetto. Alla fine è risultato essere un binario a contatto, un caso comune nella Fascia di Kuiper e conosciuto anche grazie alla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, che probabilmente si è formata in modo simile a Ultima Thule. L’immagine qui sotto (NASA/JHUAPL/SwRI/James Tuttle Keane) mostra il possibile meccanismo che porta alla formazione di questo tipo di oggetto a partire da oggetti diversi con orbite vicine.

Immediatamente il pubblico ha cominciato a sbizzarrirsi con le similitudini di Ultima Thule a un pupazzo di neve, a un birillo da bowling, a una scamorza, al droide BB-8 e altro ancora. L’immagine in alto (NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute) è stata catturata dallo strumento Long-Range Reconnaissance Imager (LORRI) quando la sonda spaziale New Horizons era a circa 28.000 chilometri di distanza. L’immagine in basso (NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute) mostra a sinistra la prima immagine a colori di Ultima Thule catturata dallo strumento Multispectral Visible Imaging Camera (MVIC) a circa 137.000 chilometri di distanza, al centro l’immagine catturata da LORRI e a destra una combinazione delle due.

Jeff Moore, uno scienziato dell’Ames Research Center della NASA e membro della missione New Horizons, ha dichiarato che Ultima Thule è uno dei primi planetesimi, i mattoni che nel corso della prima fase della storia del sistema solare si sono uniti in corpi più grandi. In questo caso i mattoni sono solo due, in altri casi hanno continuato ad unirsi e si sono formati pianeti e pianeti nani.

La fotografia a colori ha permesso di confermare la colorazione rossastra di Ultima Thule vista già dai telescopi. Una delle ipotesi è che sia generata da toline, le stesse sostanze che arrossano una parte della superficie di Caronte, la grande luna di Plutone. Resta da capire il processo che porta le toline a depositarsi sulla superficie ma per questo saranno necessari altri dati, quelli che arriveranno nel corso del tempo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *