SN 2015 cp è una rara supernova di tipo Ia

Un articolo accettato per la pubblicazione sulla rivista “The Astrophysical Journal” riporta la scoperta di una supernova di tipo Ia, catalogata come SN 2015 cp. Un team di astronomi guidati da Melissa Graham dell’Università di Washington ha usato osservazioni compiute con il telescopio spaziale Hubble e altri per studiare un sistema binario in cui una stella che potrebbe essere una gigante rossa ha espulso enormi quantità di materiali e una parte ha raggiunto la sua compagna, una nana bianca, provocandone l’esplosione.

La supernova SN 2015 cp è avvenuta a circa 545 milioni di anni luce dalla Terra e il tipo Ia avviene in sistemi binari in cui c’è una nana bianca. Anche in questo caso c’era una tipica nana bianca, detta anche al carbonio e ossigeno per gli elementi che la compongono, ma la presenza di una compagna le ha impedito di andare lentamente verso il suo destino, che sempre più sembra la cristallizzazione, ma è esplosa dopo aver divorato grosse quantità di materiali.

Il team di Melissa Graham ha cercato di dare un’identità alla compagna della nana bianca esplosa per cercare di capire meglio quali meccanismi possano causare una supernova di tipo Ia. Per fare ciò hanno esaminato i resti di SN 2015 cp nel 2017, 686 giorni dopo la prima rilevazione della supernova, alla ricerca di idrogeno, che non può essere arrivato da un’altra nana bianca. I ricercatori hanno esaminato le emissioni di ultravioletti di altre 70 resti di supernove di tipo Ia tra uno e tre anni dopo l’esplosione per capire come trovarlo nei resti di SN 2015 cp.

Il telescopio spaziale Hubble ha rilevato la luce ultravioletta indicata nell’immagine (NASA / Hubble Space Telescope / Graham et al.) di detriti composti da idrogeno, confermati anche da osservazioni mirate condotte con vari strumenti come il telescopio spaziale Swift, l’Osservatorio Keck alle Hawaii, il VLA in New Mexico e il VLT in Cile.

La presenza di quei detriti indica che la compagna era una gigante rossa o qualcosa di simile che ha espulso enormi quantità di materiali. Forse era all’inizio della fase di gigante rossa, in ogni caso quei materiali hanno raggiunto una velocità stimata attorno al 10% di quella della luce facendola brillare agli ultravioletti rilevati quasi due anni dopo la supernova. SN 2015 cp sembra un caso raro visto che il confronto con altre supernove di tipo Ia indica che non più del 6% delle nane bianche che esplodono hanno una compagna di quel tipo.

Melissa Graham è anche un’analista scientifica al Large Synoptic Survey Telescope (LSST), che nel futuro verrà usato per rilevare automaticamente emissioni ultraviolette analoghe a quelle di SN 2015 cp per scoprire i resti di altre supernove di tipo Ia. Ciò permetterà di ottenere con maggior facilità molte altre informazioni su di esse, un fattore significativo nel loro studio. Queste supernove sono considerate importanti dagli astronomi perché hanno una luminosità costante che le rende utili per vari studi cosmologici come quelli riguardanti l’espansione dell’universo, della materia oscura e dell’energia oscura. Per questi motivi, si tratta di un tipo di ricerca che sta crescendo e che ora può beneficiare dell’uso di tanti telescopi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *