Potrebbe esserci ancora attività tettonica sulla Luna


Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Geoscience” offre indizi del fatto che la Luna potrebbe essere ancora tettonicamente attiva. Un team di ricercatori ha analizzato immagini catturate dalla sonda spaziale Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA nel 2010 scoprendo migliaia di faglie tettoniche generate dal progressivo rimpicciolimento della Luna mentre si raffreddava. Alcuni ricercatori stanno lavorando a queste analisi geologiche da quando quelle foto sono state scattate ma inizialmente avevano portato indizi di un’attività recente mentre i nuovi indizi indicano che un’attività esiste ancora.

La Luna non ha una tettonica a placche come la Terra perciò l’attività che si pensava fosse una cosa del passato avviene in seguito al suo raffreddamento, che fa lentamente rimpicciolire il suo interno causando spaccature sulla superficie. Sismometri vennero lasciati dagli astronauti durante le missioni Apollo che tra il 1969 e il 1977 hanno registrato migliaia di scosse di cui 28 superficiali.

I dati raccolti con le fotografie della sonda spaziale LRO e gli strumenti posati sulla Luna durante le missioni Apollo sono stati oggetto di diverse analisi nel corso degli anni suggerendo sempre di più che l’attività tettonica sulla Luna fosse durata fino a tempi recenti. Questa nuova ricerca ha messo assieme tutti questi dati per confrontarli e trovare possibili cambiamenti nel tempo scoprendo che dei 28 terremoti lunari, o lunamoti, registrati almeno 8 sarebbero stati causati da un’attività tettonica e non da impatti.

Un’ulteriore scoperta è che di quegli 8 terremoti lunari 6 sono avvenuti quando la Luna era vicina all’apogeo, il punto della sua orbita più lontano dalla Terra. In quella posizione la tensione mareale causata dalla gravità terrestre genera un picco nella tensione totale sulla crosta lunare e ciò probabilmente causa lo scivolamento delle faglie tettoniche.

Thomas Watters del Center for Earth and Planetary Studies presso la Smithsonian Institution a Washington, primo autore dell’articolo, ha dichiarato che lui e i suoi collaboratori ritengono che gli 8 terremoti lunari siano stati prodotti da faglie che stanno scorrendo a causa dello stress che si accumula quando la crosta lunare veniva compressa dalla contrazione lunare e da forze di marea, indicando che i sismometri delle missioni Apollo avevano registrato la contrazione lunare e che la Luna è ancora tettonicamente attiva.

La Luna è stata paragonata a un chicco d’uva che raggrinzisce mentre si secca fino a diventare uva passa, con la differenza che la buccia dell’uva è flessibile mentre la crosta lunare è fragile perciò si frattura generando faglie tettoniche che, viste dalla superficie lunare, assomigliano a scarpate alte qualche decina di metri e lunga alcuni chilometri.

Nelle fotografie scattate dalla sonda spaziale LRO sono state scoperte più di 3.500 scarpate sulla Luna. In alcuni casi ci sono frane o massi sul fondo di aree relativamente luminose sulle pendici delle scarpate o sul terreno circostante. Le aree più luminose indicano regioni che sono state esposte da poco da un evento come un lunamoto perché l’esposizione le rende rapidamente più scure. Altre immagini mostrano tracce fresche di cadute di massi e ciò suggerisce che i lunamoti hanno spinto quei massi a rotolare giù per i pendii delle scarpate. I micrometeoriti che colpiscono la Luna in modo costante cancellerebbero quelle tracce in modo relativamente rapido dal punto di vista geologico.

L’immagine in alto (NASA) mostra alcune fosse tettoniche chiamate in gergo graben nella regione chiamata Mare Frigoris fotografate dalla sonda spaziale LRO. L’immagine in basso (NASA/GSFC/Arizona State University/Smithsonian) mostra una faglia scoperta da LRO in cui una sezione della crosta lunare, indicata dalle frecce a sinistra, viene spinta verso l’alto sopra una sezione vicina, indicata dalle frecce a destra.

Il geologo Nicholas Schmerr dell’Università del Maryland, un altro degli autori dell’articolo, ha sottolineato il fatto che le missioni Apollo hanno appena scalfito la superficie lunare anche se già quelle ci hanno insegnato molto sulla geologia lunare. Tuttavia, secondo lui dobbiamo tornare sulla Luna e installare una rete più ampia di sismometri moderni, solo così potremo fare notevoli progressi nella comprensione dei processi in atto.

La NASA ha già piani per inviare nuovamente astronauti sulla Luna, ora bisogna vedere quali saranno i tempi per la missione. Dopo lo studio di un possibile terremoto sul pianeta Marte ne stanno arrivando altri sui terremoti lunari con alcune similitudini nei processi geologici in atto su Marte e sulla Luna. Nuovi studi geologici durante le prossime missioni lunari aiuteranno a capire meglio la storia geologica della Luna, strettamente legata a quella della Terra.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *