Un Albero di Natale cosmico visto dal telescopio spaziale Spitzer

NGC 2264 visto da Spitzer (Immagine Credit: NASA/JPL-Caltech/P.S. Teixeira (Center for Astrophysics))
NGC 2264 visto da Spitzer (Immagine Credit: NASA/JPL-Caltech/P.S. Teixeira (Center for Astrophysics))

Il telescopio spaziale Spitzer della NASA ha catturato una nuova immagine del cosiddetto ammasso Albero di Natale, così soprannominato per la sua forma. Quell’apparenza è aumentata da una notevole formazione stellare con la conseguente presenza di protostelle che emettono una luce che a Spitzer appare rosa o rossa che danno all’area un effetto simile alle palle dell’albero di Natale. Esso fa parte di un insieme di oggetti noti collettivamente con la sigla NGC 2264 che include anche l’ammasso Fiocco di Neve, la Nebulosa Cono e la Nebulosa Pelliccia di Volpe.

Distante circa 2.600 anni luce dalla Terra, NGC 2264 è particolarmente interessante perché è un’area di formazione stellare in cui recentemente le circostanze hanno prodotto una concentrazione di gas tale da ottenere la nascita di parecchie stelle. In termini astronomici, recentemente significa che quelle stelle hanno un’età stimata in circa 100.000 anni e ciò le rende protostelle perché non hanno ancora raggiunto la loro piena stabilità. Per questo motivo quelle stelle sono ancora vicine tra loro mentre fra qualche milione di anni si saranno già allontanate.

Il telescopio spaziale Spitzer non è neppure il più adatto a catturare la luce delle protostelle di NGC 2264 perché è sensibile agli infrarossi, la caratteristica che lo rende adatto a catturare altri colori di aree piene di gas e polveri che potrebbero continuare a formare nuove stelle ancora per molto tempo. Nell’immagine in basso, catturata a frequenze ottiche dalla macchina fotografica Wide Field Imager (WFI) del telescopio da 2,2 metri della Max-Planck Society e dell’ESO all’Osservatorio La Silla in Cile, le protostelle emergono ben più con la loro luminosità e la struttura della cosiddetta Nebulosa Cono è ben visibile in basso.

Un gruppo di stelle al centro dell’immagine in alto forma un ammasso che ha una struttura simmetrica che richiama la forma di un cristallo di neve e per questo motivo è soprannominato ammasso Fiocco di Neve. Esso costituisce una parte di un ammasso più grande, soprannominato Albero di Natale. Sono forme effimere dal punto di vista astronomico e fra non molti millenni potrebbero già essere visibilmente distorte perché varie forze come quella gravitazionale e i violenti venti stellari emessi dalle protostelle le alterano in continuazione.

Le stelle massicce di NGC 2264 ionizzano l’idrogeno in nubi molecolari in cui probabilmente nasceranno altre stelle. Lo spettacolo già esistente continuerà, variando nel tempo con la sua evoluzione, fornendo allo stesso tempo interessanti informazioni agli astronomi che studiano i processi di formazione stellare.

NGC 2264 visto da WFI (Immagine ESO)
NGC 2264 visto da WFI (Immagine ESO)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *