Tracce di glaciazioni e dune nel cratere Moreux su Marte

Il cratere Moreux su Marte
L’ESA ha pubblicato nuove foto del cratere Moreux sul pianeta Marte scattate dalla High Resolution Stereo Camera (HRSC) della sonda spaziale Mars Express. Si tratta di un cratere da impatto ma mostra caratteristiche diverse dal normale, considerate il frutto di erosione causata da processi glaciali. Probabilmente glaciazioni hanno avuto luogo in diversi periodi dato che le tracce geologiche presenti nell’area suggeriscono che sono avvenute anche negli ultimi milioni di anni. Un altro motivo di interesse per questo cratere è la presenza di dune al suo interno, che forniscono informazioni sui venti che soffiano nell’area.

L’immagine in alto (ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO) mostra una vista del cratere Moreux ottenuta da osservazioni della sonda spaziale Mars Express del 30 ottobre 2019. L’immagine in basso (ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO) mostra una vista in prospettiva del cratere Moreux ottenuta da quelle osservazioni.

Il cratere Moreux è localizzato nell’area chiamata Protonilus Mensae, parte di un’area più grande chiamata Terra Sabaea, a sua volta parte della maglia cartografica Ismenius Lacus. Ha un diametro di circa 135 chilometri ma la sua forma è stata alterata e oggi è ovale, Ha una profondità che arriva a circa 3 chilometri e al suo centro c’è una montagna che ha un’altezza di circa 2 chilometri. La montagna è una formazione tipica dei crateri da impatto in cui i materiali sono stati liquefatti dall’intenso calore, sono stati proiettati verso l’esterno e parte di essi è rimbalzata raccogliendosi al centro del cratere.

Secondo gli scienziati, le dune all’interno del cratere Moreux e anche quelle attorno ad esso contengono materiali sabbiosi ricchi di pirossene e olivine. Si tratta di minerali che formano rocce di tipo mafico, cioè che contengono magnesio e ferro e per questo dette anche femiche scambiando l’ordine dei nomi dei due elementi. Si tratta di minerali che hanno una tipica colorazione scura e contibuiscono alla varietà di colori presenti nell’area.

I venti marziani sono considerati fondamentali nella formazione delle dune spazzando sabbia e ceneri vulcaniche di tipo basaltico che si sono accumulate soprattutto all’interno del cratere Moreux. Dune singole e campi di dune continue sono stati formati nel corso del tempo e non è solo il raggruppamento a essere variabile perché nel campo di dune a nord della montagna centrale sono state trovate quantità di olivine decisamente superiori alle altre dune.

Per gli scienziati la parte più interessante del cratere Moreux sono le tracce lasciate da passate glaciazioni. L’analisi delle forme presenti sul terreno come valli scavate nei lati del cratere offre qualche datazione dei processi glaciali che le hanno generate. Il risultato suggerisce una serie di glaciazioni avvenute tra un miliardo e 400.000 anni fa circa.

I processi glaciali sono avvenuti soprattutto quando l’asse di rotazione di Marte aveva un’inclinazione maggiore e anche le aree polari erano più orientate verso il Sole. A latitudini come quella del cratere Moreux, più ghiaccio e neve dall’atmosfera si depositava sui bordi e sulle pianure del cratere, dove formava ghiacciai.

Le tracce dei tanti processi geologici e atmosferici rimaste sul cratere Moreux aiutano gli scienziati a ricostruirne la storia. Spesso l’interesse è concentrato sulla prima parte della storia di Marte, quando il pianeta rosso era simile alla Terra, ma anche quella relativamente recente, assai posteriore al collasso climatico, è utile ad esempio a capire in quali condizioni possano formarsi ghiacciai.

Vista in prospettiva del cratere Moreux su Marte

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *