Una mappatura di tre nubi interstellari in cui c’è un’intensa formazione stellare

Montaggio del Progetto Formazione Stellare
Un articolo pubblicato sulla rivista “Publications of the Astronomical Society of Japan” riporta la mappatura di tre nubi interstellari: Orione A, Fenditura dell’Aquila ed M17. Un team di ricercatori guidato dal professor Fumitaka Nakamura del National Astronomical Observatory of Japan (NAOJ) ha usato il radiotelescopio Nobeyama e per Orione A anche dati dall’archivio dell’array di radiotelescopi CARMA per ottenere questo risultato. Si tratta di un’indagine chiamata non a caso Progetto Formazione Stellare perché le tre nubi interestellari studiate sono culle per nuove stelle.

I processi di formazione stellare continuano a essere studiati dagli astronomi sia a livello teorico che tramite osservazioni. Le nubi di gas interstellare sono le culle in cui le stelle si formano ma la gran quantità di gas presente al loro interno filtra la luce visibile perciò è necessario esaminarle con strumenti in grado di rilevare le frequenze che riescono a passare attraverso quel gas, come le onde radio.

Diversi radiotelescopi possono fornire diversi risultati a seconda delle loro caratteristiche. Il radiotelescopio ALMA è attualmente il più potente del mondo ma ha limiti riguardanti il campo di vista, che va benissimo per oggetti piccoli o molto lontani, e i tempi per le osservazioni. Il radiotelescopio Nobeyama con un piatto singolo da 45 metri ha caratteristiche ottime per lo studio di nubi interstellari relativamente vicine come Orione A (1.350 anni luce), Fenditura dell’Aquila (1.422 anni luce) ed M17 (6.849 anni luce). Il nuovo strumento FOREST (FOur beam REceiver System on the 45-m Telescope) è stato usato per questo progetto.

L’immagine (cortesia NAOJ. Tutti i diritti riservati) contiene un montaggio con le linee di emissione di monossido di carbonio nelle tre nubi interstellari esaminate in questo progetto, Orione A, Fenditura dell’Aquila (Aquila Rift) ed M17, e il radiotelescopio Nobeyama.

La nube interstellare di Orione A è già stata oggetto di varie ricerche proprio perché in termini astronomici è praticamente nel vicinato. Tra gli strumenti utilizzati per studiarla negli anni scorsi c’è stato l’array di radiotelescopi CARMA (Combined Array for Research in Millimeter-wave Astronomy), unico perché formato da 23 antenne eterogenee: 6 da 10,4 metri di diametro, 9 da 6,1 metri di diametro e 8 da 3,5 metri di diametro. CARMA ha cessato le operazioni nel 2015 ma gli archivi delle osservazioni compiute a partire dal 2006 continuano a essere utili.

Già la CARMA-NRO Orion Survey aveva combinato i dati di CARMA con quelli del radiotelescopio Nobeyama con risultati pubblicati sulla rivista “The Astrophysical Journal Supplement Series” nel maggio 2018. La nuova mappa del Progetto Formazione Stellare ( Star Formation Project) è la più dettagliata di sempre, con una risoluzione di circa 3.200 volte la distanza media tra Terra e Sole.

Ogni nuova indagine di questo tipo offre nuovi dettagli su queste culle di formazione stellare che aiutano a capire meglio i processi che portano alla nascita di nuove stelle. Nuovi studi possono combinare dati ottenuti in diverse indagini ed eventualmente compiere osservazioni mirate di oggetti che gli astronomi ritengono particolarmente interessanti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *