È un successo il lancio della missione cinese Tianwen-1 verso Marte

La missione Tianwen-1 al lancio su un razzo Long March 5 (Foto cortesia Xinhua/Cai Yang)
La missione Tianwen-1 al lancio su un razzo Long March 5 (Foto cortesia Xinhua/Cai Yang)

Poche ore fa la missione cinese Tianwen-1 è partita su un razzo vettore Long March 5 dal centro di Wenchang in Cina. Circa 36 minuti dopo il lancio, la navicella si è separata regolarmente dall’ultimo stadio del razzo e si è immessa sulla traiettoria che dovrebbe portarla nell’orbita del pianeta Marte nel febbraio 2021. Lì un lander e un rover si separeranno dalla sonda spaziale che rimarrà in orbita e atterreranno sul pianeta rosso.

I programmi cinesi per Marte dovevano cominciare anni fa con la partecipazione alla missione russa Fobos-Grunt, che includeva la sonda spaziale Yinghuo-1. Purtroppo, un problema al razzo impedì che le navicelle uscissero dall’orbita terrestre con la conseguenza che ricaddero sulla Terra.

I cinesi, che da parecchi anni stanno sviluppando un programma spaziale molto ambizioso, hanno sviluppato anche una nuova missione marziana, stavolta in autonomia. Negli ultimi anni, in varie occasione hanno perfino dato alle loro missioni una certa pubblicità con trasmissioni in diretta. Invece, in questo caso non ci sono state trasmissioni ufficiali e il successo è stato confermato dall’amministrazione spaziale cinese tramite un comunicato.

La sonda spaziale della missione Tianwen-1 è bella grossa con una massa alla partenza di circa 3.175 kg. È dotata di una serie di strumenti per studiare Marte sia dal punto di vista geologico che atmosferico. Ciò include la possibilità di trovare tracce di forme di vita esistenti oggi o che sono esistite nel passato, quando Marte era molto più simile alla Terra.

Se il lander della missione riuscirà a compiere con successo la sua manovra di atterraggio nella grande pianura di Utopia Planitia, farà uscire sulla superficie un rover con una massa di circa 240 kg dotato dei propri strumenti per compiere studi al suolo che si completeranno con quelli della sonda spaziale.

La missione primaria della sonda spaziale dovrebbe durare almeno un anno marziano, cioè circa due anni terrestri. I pannelli solari del rover dovrebbero durare almeno 90 giorni ma il rover potrebbe funzionare molto più a lungo. Molto dipende dalle condizioni ambientali perché c’è sempre il rischio che vengano ricoperti di sabbia.

La navicella è in rotta verso Marte, dove è previsto che giunga nel febbraio 2021. La missione Tianwen-1 è ambiziosa ma il suo successo passerà attraverso una serie di difficoltà. La sonda spaziale dovrà entrare correttamente nell’orbita del pianeta rosso e il lander dovrà atterrare tutto intero per poter far uscire il rover.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *