September 15, 2020

Concetto artistico di Venere con la molecola di fosfina nel riquadro (Immagine ESO/M. Kornmesser/L. Calçada & NASA/JPL/Caltech)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” riporta la scoperta di fosfina nelle nubi del pianeta Venere. Un team di ricercatori guidato dall’astrofisica Jane Greaves dell’Università britannica di Cardiff, ha usato il James Clerk Maxwell Telescope (JCMT) alle Hawaii e il radiotelescopio ALMA per sondare l’atmosfera venusiana. La concentrazione di fosfina rilevata è di circa venti parti per miliardo, che possono sembrare poche ma per quanto ne sappiamo solo batteri anaerobici sono in grado di produrla in quella quantità. Per questo motivo, la fosfina è considerato una firma biologica nello studio delle atmosfere di esopianeti anche se al momento non è possibile escludere completamente che esista un processo abiotico che produca fosfina nelle condizioni dell’atmosfera di Venere.