Il terreno caotico di Pyrrhae Regio su Marte mostra una complessa storia geologica

Pyrrhae Regio su Marte vista da Mars Express
L’ESA ha pubblicato nuove immagini catturate dalla macchina fotografica High Resolution Stereo Camera (HRSC) della sonda spaziale Mars Express di Pyrrhae Regio, una regione vicina al sistema delle Valles Marineris sul pianeta Marte. Si tratta di quello che viene definito un terreno caotico del tipo che si forma quando c’è ghiaccio sotterraneo che si scioglie provocando il rilascio di grande quantità di acqua. Un processo del genere richiede una notevole quantità di calore, che può essere stata fornita da attività vulcanica o da un impatto meteorico. L’aspetto attuale è ciò che è rimasto dopo il deflusso dell’acqua, lasciando in particolare le formazioni geologiche chiamate mesa.

Pyrrhae Regio è situata su un antico altopiano coperto di crateri. Nelle vicinanze ci sono tracce di antichi fiumi e canali che testimoniano la complessa storia che risale ai tempi in cui su Marte c’erano grosse quantità d’acqua anche allo stato liquido. Anche dopo il collasso ambientale che portò un pianeta simile alla Terra a trasformarsi nel pianeta rosso che conosciamo oggi, l’acqua è stata presente sotto forma di ghiaccio sotto la superficie, protetto da condizioni in cui sarebbe evaporato.

Le Valles Marineris, anch’esse vicine a Pyrrhae Regio, costituiscono un gigantesco sistema di canyon, una sorta di enorme cicatrice ben visibile anche nelle immagini dell’intero Marte. Probabilmente sono state create quando un’intensa attività vulcanica creò una lunghissima spaccatura nella crosta marziana. È quindi possibile che vulcani abbiano scaldato anche l’area di Pyrrhae Regio, oppure sono stati impatti meteoritici. Potrebbe anche esserci stata una combinazione di entrambi i fattori a far sciogliere il ghiaccio nel sottosuolo dell’area in tempi relativamente brevi.

Il deflusso dell’acqua da Pyrrhae Regio lasciò grosse cavità e in molte zone il terreno collassò. Il fondo di quelle cavità raggiunge i quattro chilometri sotto il livello del suolo vicino ai crateri che nell’immagine in alto (ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO) sono visibili alla sinistra del terreno caotico. L’immagine in basso (ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO) fornisce una vista in prospettiva di quel terreno caotico che dà un’idea dei dislivelli e delle irregolarità.

Vari processi geologici potrebbero essere avvenuti anche in tempi relativamente recenti, che dal punto di vista della storia di Marte significa qualche centinaio di milioni di anni fa. Molti ricercatori stanno studiando i vulcani marziani per capire in quali periodi siano stati attivi e come abbiano influenzato la geologia del pianeta rosso ben oltre Pyrrhae Regio.

Vista in prospettiva del terreno caotico di Pyrrhae Regio su Marte vista da Mars Express

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *