591 candidate stelle ad alta velocità sono state scoperte nell’alone della Via Lattea

Schema della Via Lattea con le 591 candidate stelle ad alta velocità nell'alone (Immagine cortesia KONG Xiao del NAOC)
Schema della Via Lattea con le 591 candidate stelle ad alta velocità nell’alone (Immagine cortesia KONG Xiao del NAOC)

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal Supplement Series” riporta la scoperta di 591 candidate stelle ad alta velocità nell’alone della Via Lattea. Un team di ricercatori ha usato dati della Data Release 7 del Large Sky Area Multi-Object Fiber Spectroscopic Telescope (LAMOST) e della Data Release 2 della sonda spaziale Gaia per trovare queste stelle la cui velocità è molto elevata rispetto alla media delle stelle della Via Lattea. I dati indicano che 43 di queste stelle potrebbero avere una velocità sufficiente per sfuggire alla forza di gravità galattica.

La cinematica stellare studia il movimento delle stelle in modo indipendente dalla sua origine. Stelle con una velocità molto elevata rispetto alla media sono state scoperte a partire dal 2005 e prima di questa ricerca ne erano note oltre 550. Nel corso del tempo, sono state create diverse sottoclassi per le stelle ad alta velocità: stelle iperveloci, stelle fuggitive, stelle iperfuggitive e stelle veloci dell’alone galattico. La loro individuazione non è solo una curiosità scientifica ma offre informazioni su ciò che avviene nella galassia che le ospita.

Questa nuova ricerca ha individuato una quantità di candidate stelle ad alta velocità tale che, se venissero tutte confermate, raddoppierebbe il numero totale conosciuto. Per ottenere un risultato del genere, i ricercatori hanno esaminato i dati spettrali di oltre dieci milioni di stelle. Questa enorme quantità di dati è stata trovata in due grandi database: quello di LAMOST, il più grande telescopio ottico cinese, e quello di Gaia, uno speciale telescopio spaziale dell’ESA che ha proprio lo scopo di mappare il cielo.

Questo studio ha riguardato la cinematica delle stelle per tracciarne i movimenti e quindi la velocità ma anche la composizione chimica per cercare di capirne l’origine. Il risultato è stato la scoperta di 591 candidate stelle ad alta velocità nell’alone galattico, una regione che circonda la Via Lattea. Almeno 43 di esse mostrano una velocità tale da avere una probabilità superiore al 50% di finire espulse dalla Via Lattea. La composizione chimica delle candidate mostra una bassa metallicità, cioè di elementi più pesanti di idrogeno ed elio, nella maggior parte di esse. La bassa metallicità suggerisce che il grosso dell’alone si sia formato con l’assorbimento di galassie nane da parte della Via Lattea.

La combinazione dei dati di due grossi database astronomici ha permesso di raddoppiare il numero di stelle ad alta velocità conosciute. In questo caso, probabilmente le maggiori informazioni ottenute riguardano l’alone galattico con indizi sulla sua formazione ma in altri casi i risultati potrebbero riguardare altre aree della Via Lattea. Le grandi indagini astronomiche servono proprio per offrire informazioni agli astronomi per ricerche di vario tipo e la loro combinazione può aiutare a capire meglio diversi aspetti dell’evoluzione della Via Lattea e delle sue parti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *