2021

Una mappa ottenuta dall'indagine GLOSTAR con un segmento del disco della Via Lattea

Quattro articoli pubblicati sulla rivista “Astronomy & Astrophysics” riportano vari aspetti della mappatura del piano galattico settentrionale, che ha portato tra le altre cose alla scoperta di nuove aree di formazione stellare nella Via Lattea. Molti ricercatori hanno collaborato all’analisi di dati raccolti all’interno dell’indagine GLOSTAR, che ha proprio lo scopo di esaminare regioni di formazione stellare all’interno della galassia usando osservazioni dei radiotelescopi VLA ed Effelsberg. I dati hanno permesso di ottenere le mappe più dettagliate del piano galattico settentrionale a frequenze radio, che hanno permesso di individuare le nuove culle stellari.

Il sistema PDS 70 e il particolare del protopianeta PDS 70 c

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal Letters” riporta uno studio sul disco circumplanetario attorno all’esopianeta PDS 70 c. Un team di ricercatori guidato da Myriam Benisty ha usato il radiotelescopio ALMA per studiare quello che è ancora un protopianeta e il disco di materiali attorno a esso che potrebbero formare delle lune. Secondo le stime, c’è una massa sufficiente a formare fino a tre lune delle dimensioni della Luna terrestre. Questo tipo di studi offre nuove informazioni sia sulla formazione di pianeti, in particolare i giganti gassosi, e delle lune, una delle frontiere che gli astronomi stanno cercando di aprire.

Centaurus A ad alta risoluzione nel riquadro sovrapposta a un'immagine della galassia che ospita il buco nero supermassiccio

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” riporta osservazioni dei getti emessi dal buco nero supermassiccio al centro della radiogalassia Centaurus A con dettagli mai visti prima grazie alla combinazione di diversi radiotelescopi. Un team di ricercatori che include la collaborazione Event Horizon Telescope (EHT) ha usato la stessa tecnica che ha permesso di ottenere la storica immagine dell’area attorno al buco nero supermassiccio al centro della galassia M87. Le osservazioni di Centaurus A sono avvenute nel 2017 e ora sono arrivati i risultati, in particolare i dettagli dei getti.

Nauka/MLM decolla su un razzo Proton-M (Immagine NASA TV)

Nella giornata di ieri il modulo russo Nauka, formalmente chiamato Multipurpose Laboratory Module (MLM), è stato lanciato su un razzo vettore Proton-M dal cosmodromo kazako di Baikonur. Dopo circa nove minuti si è separato con successo dall’ultimo stadio del razzo e si è immesso sulla sua rotta. Il suo viaggio durerà circa 8 giorni per raggiungere, il 29 luglio, la Stazione Spaziale Internazionale, dove diventerà parte della sezione russa con molti anni di ritardo sui programmi originali. Assieme ad esso c’è l’European Robotic Arm (ERA) sviluppato sotto l’egida dell’ESA, un braccio robotico che verrà utilizzato per operazioni nell’area della sezione russa della Stazione.

Il razzo New Shepard al decollo (Immagine cortesia Blue Origin)

Poco fa Blue Origin ha condotto il primo volo con equipaggio, che includeva il proprietario Jeff Bezos, del razzo New Shepard. È decollato dallo spazioporto dell’azienda a Van Horn, Texas, e dopo circa 3 minuti la navicella chiamata “RSS First Step” si è separata dal razzo ed è arrivata a poco più di 106 chilometri di altitudine, oltre i 100 chilometri della Linea di Kármán che ufficialmente segna il confine con lo spazio. Sia il razzo, che è composto da un singolo stadio, che la navicella, sono riutilizzabili perciò entrambi sono atterrati alla fine del volo.