January 2021

Un confronto tra le densità e l'illuminazione dei pianeti di TRAPPIST-1 e tra i pianeti rocciosi del sistema solare rispetto alla Terra

Un articolo pubblicato sulla rivista “Planetary Science Journal” riporta uno studio sui sette pianeti del sistema della stella nana ultrafredda TRAPPIST-1. Un team di ricercatori guidato dall’astrofisico Eric Agol dell’Università di Washington ha usato dati raccolti dal telescopio spaziale Spitzer nell’arco di quattro anni, dai telescopi spaziali Hubble e Kepler e da telescopi al suolo per ottenere misurazioni precise di masse e densità dei pianeti. I nuovi calcoli indicano che i sette pianeti hanno una densità molto simile, un nuovo indizio nello studio della loro composizione con le possibili similitudini e differenze rispetto ai pianeti rocciosi del sistema solare.

Una una rappresentazione artistica della formazione delle due popolazioni planetarie del sistema solare

Un articolo pubblicato sulla rivista “Science” riporta uno studio che offre una spiegazione per la struttura del sistema solare con le diverse caratteristiche dei pianeti rocciosi interni e dei pianeti gassosi esterni. Un team di ricercatori guidato dal dottor Tim Lichtenberg dell’Università britannica di Oxford ha messo assieme informazioni su altri sistemi stellari in fase di formazione e sui contenuti di meteoriti per creare simulazioni dell’origine del sistema solare. La conclusione è che essa è avvenuta in due fasi, prima i pianeti rocciosi e poi quelli gassosi.

Piume solari (Immagine NASA/SDO/Uritsky, et al)

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” riporta uno studio su alcune strutture che costituiscono i pennacchi solari che sono chiamate in gergo piume, in inglese plumelets. Un team di ricercatori guidato da Vadim Uritsky della Catholic University of America e del Goddard Space Flight Center della NASA ha applicato algoritmi all’avanguardia per l’elaborazione delle immagini a dati della NASA per ottenere immagini con una risoluzione senza precedenti delle piume solari. Queste strutture sono piccole ma questo studio suggerisce che possano avere un ruolo cruciale nel vento solare, la cui influenza si estende fino al confine con lo spazio interstellare.

La nebulosa planetaria NGC 6302, conosciuta anche come Nebulosa Farfalla

Al 237° meeting della Società Astronomica Americana sono stati presentati nuovi dati riguardanti le nebulose planetarie NGC 6302, conosciuta anche come Nebulosa Farfalla, e NGC 7027, conosciuta anche come Nebulosa Insetto Gioiello. Un team di ricercatori ha usato osservazioni condotte con il telescopio spaziale Hubble a diverse lunghezze d’onda che vanno dall’ultravioletto vicino all’infrarosso vicino per studiare le loro proprietà. Ciò ha permesso di ottenere nuovi dettagli che offrono nuove informazioni sui processi in atto in cui stelle morenti stanno espellendo strati di gas ionizzato in modo caotico.

Le due radiogalassie giganti viste da MeerKAT

Un articolo pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” riporta la scoperta di due radiogalassie giganti in una piccola porzione di cielo, una scoperta in teoria molto poco probabile. Un team di ricercatori guidato da Jacinta Delhaize dell’Università di Cape Town, in Sud Africa, ha utilizzato dati raccolti nel corso dell’indagine MIGHTEE condotta con il radiotelescopio MeerKAT. Le radiogalassie giganti sono considerate molto rare ma forse sono molto più comuni del previsto, una possibilità che potrebbe avere un impatto sullo studio della formazione e dell’evoluzione delle galassie.