Missione Crew-8: la navicella spaziale SpaceX Crew Dragon Endeavour ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale con quattro astronauti della Expedition 70

La navicella spaziale Crew Dragon Endeavour attracca alla Stazione Spaziale Internazionale nella missione Crew-8 (Immagine NASA TV)
La navicella spaziale Crew Dragon Endeavour attracca alla Stazione Spaziale Internazionale nella missione Crew-8 (Immagine NASA TV)

Poco fa la navicella spaziale Crew Dragon Endeavour di SpaceX è attraccata al modulo Harmony della Stazione Spaziale Internazionale compiendo la prima parte della sua missione Crew-8 o SpaceX Crew-8 iniziata con il suo lancio avvenuto circa 28 ore prima. Dopo le verifiche che la pressione sia stata correttamente equilibrata, il portello verrà aperto per permettere ad Aleksandr Grebenkin, Michael Barratt, Matthew Dominick e Jeanette Epps di entrare nella Stazione e cominciare la loro missione, che durerà circa sei mesi.

La navicella spaziale Crew Dragon è equipaggiata con un sistema di attracco automatizzato all’International Docking Adapter (IDA). La procedura di avvicinamento, con la sicurezza come priorità assoluta, è stata ampiamente testata durante le precedenti missioni delle navicelle Crew Dragon.

La posizione della Stazione Spaziale Internazionale nella sua orbita conta molto nel calcolo del tempo necessario a raggiungerla. Se possibile, viene scelta una data per il lancio che permetta di avere un viaggio che non superi di molto le 24 ore per limitare il tempo trascorso dagli astronauti in viaggio. Il viaggio della Endeavour è stato più lungo perché il lancio è stato rimandato a causa dei venti troppo forti rispetto a quelli ammessi e un paio di giorni di ritardo sono stati sufficienti a raddoppiare la durata del viaggio.

L’equipaggio della missione Crew-8 sta per incontrare quello della missione Crew-7, che dovrebbe terminare con la ripartenza dalla Stazione l’11 marzo. SpaceX offre l’affidabilità di missioni spaziali indipendenti dalla Russia mentre la prima missione con astronauti della navicella spaziale Starliner di Boeing è al momento prevista per aprile.

Boeing ha ormai accumulato anni di ritardo a causa dei tanti problemi riscontrati durante i due voli di test della Starliner e anche nelle varie fasi di test sulla Terra. Jeanette Epps era stata assegnata a uno degli equipaggi di una missione sulla Starliner ma è stata riassegnata a una Crew Dragon proprio a causa di questi ritardi continui. Qualsiasi data fornita per la missione con astronauti va considerata approssimativa e quando finalmente Boeing riuscirà a ottenere l’approvazione della NASA per far entrare in servizio regolare la Starliner sarà un sollievo per molti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *