Astronomia / astrofisica

Il polo nord di Marte (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

L’ESA ha pubblicato un’immagine della calotta polare settentrionale del pianeta Marte. Si tratta della composizione di 32 immagini catturate dallo strumento High Resolution Stereo Camera (HRSC) della sonda spaziale Mars Express dell’ESA durante altrettanti passaggi sopra il polo nord marziano tra il 2004 e il 2010. Quel mosaico mostra le depressioni a forma di spirale della calotta polare.

NGC 6334 e NGC 6357 (Immagine ESO)

L’ESO ha rilasciato una delle più ampie immagini astronomiche create grazie al VST (Very Large Telescope Survey Telescope) che comprende due nubi cosmiche di gas e polvere, NGC 6334 e NGC 6357. A causa delle loro forme, esse sono conosciute rispettivamente anche con i nomi popolari di nebulosa “Zampa di gatto” e nebulosa “Aragosta”.

Ricostruzione artistica di Rapid Burster (Immagine ESA/ATG medialab)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” descrive una ricerca che offre una spiegazione a un mistero astronomico risalente agli anni ’70. Un team di ricercatori dell’Anton Pannekoek Institute for Astronomy di Amsterdam guidati da Jakob van den Eijnden ha scoperto un intervallo nel disco di accrescimento del sistema binario MXB 1730-335, conosciuto come Rapid Burster per i suoi lampi di raggi X rapidi e discontinui.

La nebulosa Zucca (Immagine ESA/Hubble & NASA. Acknowledgement: Judy Schmidt)

Una fotografia scattata dal telescopio spaziale Hubble ritrae la nebulosa Zucca (in inglese Calabash Nebula), una nebulosa protoplanetaria che mostra una fase dell’agonia di una stella di massa limitata, come il Sole. Questa nebulosa è conosciuta anche con il soprannome nebulosa Uovo Marcio perché il suo studio ha rivelato che nel gas che la circonda c’è un’elevata concentrazione di zolfo, l’elemento che causa la puzza caratteristica delle uova marce.

NGC 4861 (Immagine ESA/Hubble & NASA)

Un team di ricercatori ha proposto una spiegazione per lo strano aspetto della galassia NGC 4861, che ha proprietà di una galassia a spirale barrata ma come aspetto sembra più una galassia nana irregolare. È possibile che sia in atto la produzione di getti di particelle cariche durante una fase di formazione stellare con la generazione di venti galattici che spiegano la strana forma di NGC 4861, simile a una cometa.