Sonde spaziali

Ultima Thule è formato da due asteroidi più piccoli

La NASA ha pubblicato le prime immagini dettagliate dell’oggetto della Fascia di Kuiper catalogato come 2014 MU69 e soprannominato Ultima Thule. Catturate dagli strumenti LORRI e MVIC della sonda spaziale New Horizons tra 90 e 30 minuti circa prima del massimo avvicinamento, mostrano finalmente in modo chiaro la struttura a doppio lobo di quest’oggetto. In gergo, viene chiamato binario a contatto e si tratta del risultato dell’unione di due oggetti vicini che si scontrano a bassa velocità e finiscono per fondersi. Il lobo più grande è stato soprannominato Ultima e il più piccolo Thule.

Confermato il successo del volo ravvicinato a Ultima Thule della sonda spaziale New Horizons

La NASA ha confermato che la sua sonda spaziale New Horizons ha compiuto con successo il passaggio ravvicinato all’oggetto della Fascia di Kuiper catalogato come 2014 MU69 e soprannominato Ultima Thule. Dopo aver compiuto la sua seconda missione, New Horizons si è orientata verso la Terra, ha comunicato una serie di dati telemetrici che hanno permesso di confermare che è in buona salute per poi cominciare a inviare i dati raccolti.

La sonda spaziale New Horizons ha compiuto il suo volo ravvicinato a Ultima Thule

La sonda spaziale New Horizons della NASA ha da poco compiuto il suo volo ravvicinato dell’oggetto conosciuto come 2014 MU69 e soprannominato Ultima Thule. Il programma automatico per procedere con le fotografie e le altre rilevazioni dell’obiettivo era stata attivata nei giorni scorsi perciò, dopo aver inviato le ultime immagini scattate quand’era ancora a quasi due milioni di chilometri di distanza, New Horizons ha puntato i suoi strumenti su Ultima Thule. Se tutto è andato bene, nelle prossime ore lo comunicherà al centro controllo missione e comincerà a inviare i dati raccolti, un processo che continuerà per un tempo stimato in circa 20 mesi.

Il cratere Korolev (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

L’ESA ha pubblicato nuove immagini del cratere Korolev su Marte ottenute grazie alla macchina fotografica High Resolution Stereo Camera (HRSC) della sua sonda spaziale Mars Express. La sua peculiarità è di essere riempito di ghiaccio d’acqua e nonostante la presenza di polvere il suo colore è bianco, il che costituisce un forte contrasto con quello del terreno circostante. Normalmente l’acqua non riesce a rimanere solida alla bassissima pressione generata dall’atmosfera marziana ma vicino al polo nord il cratere Korolev agisce come una trappola a freddo.

L'asteroide Bennu (Immagine NASA/Goddard/University of Arizona)

La NASA ha annunciato che la sua sonda spaziale OSIRIS-REx ha trovato tracce d’acqua nell’asteroide Bennu, che ha raggiunto il 3 dicembre scorso. Si tratta di acqua legata a minerali presenti sulla superficie di Bennu, silicati idrati formatisi nelle primissime fasi della storia del sistema solare, quando cominciarono a formarsi i primi piccoli corpi celesti come gli asteroidi.