Sonde spaziali

Plutone e Caronte (Immagine NASA-JHUAPL-SwRI)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Icarus” descrive una ricerca su Caronte, la luna principale del pianeta nano Plutone, e su un aspetto della relazione tra i due. Un team di ricercatori del Georgia Institute of Technology ha compiuto una serie di simulazioni al computer che indicano che il passaggio di Caronte tra Plutone e il Sole rallenta la perdita di atmosfera da parte del pianeta nano. Le previsioni fatte sono coerenti con i dati raccolti dalla sonda spaziale New Horizons della NASA.

Mappa topografica della regione in cui si trova il cratere Auki (Immagine NASA/USGS)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Icarus” descrive le nuove prove della presenza di antichissime attività idrotermali nel cratere Auki su Marte. Un team di scienziati guidato da Filippo Giacomo Carrozzo dell’INAF-IAPS di Roma ha usato immagini e dati spettroscopici raccolti dalla sonda spaziale Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA per individuare strutture geologiche e minerali idrati che confermano quell’ipotesi.

Schema delle molecole d'acqua che ricadono nelle trappole a freddo su Cerere (Immagine NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA)

Due articoli pubblicato sulle riviste “Science” e “Nature Astronomy” descrivono due studi presentati anche al meeting dell’American Geophysical Union in corso a San Francisco che riportano nuove prove della presenza di ghiaccio d’acqua sotto la superficie del pianeta nano Cerere. I ricercatori hanno usato i dati rilevati dalla sonda spaziale Dawn della NASA per trovare due serie di prove che nel sottosuolo di Cerere c’è più ghiaccio del previsto e che può esistere per tempi lunghissimi.

Adamas Labyrinthus

L’ESA ha pubblicato una fotografia di una sorta di labirinto che fa parte di una regione chiamata Adamas Labyrinthus su Marte scattata dalla sonda spaziale Mars Express. Questa regione è a sua volta parte di Utopia Planitia, un enorme bacino da impatto con un diametro stimato attorno ai 3.300 chilometri. Le fratture di Adamas Labyrinthus creano un sistema di forme poligonali che potrebbe aver avuto origine da sedimenti a grana fine che anticamente erano sul fondo di un oceano.

Vista topografica di Plutone (Immagine P.M. Schenk LPI/JHUAPL/SwRI/NASA)

L’ipotesi dell’esistenza di un oceano sotterraneo sul pianeta nano Plutone è stata riportata in auge da alcune ricerche basate sui dati raccolti dalla sonda spaziale New Horizons della NASA durante il volo ravvicinato del 14 luglio 2015. Generalmente l’ipotesi riguarda un oceano d’acqua ma William McKinnon, professore di scienze planetarie e della Terra alla Washington University di St. Louis e tra gli autori di diverse ricerche su Plutone, ha suggerito che l’oceano contenga molta ammoniaca.