Sonde spaziali

A sinistra alcune delle terrazze (in verde) identificate sulla cometa 67P/Churyumov–Gerasimenko. Al centro il modello 3D usato per l'analisi. A destra i vettori gravitazionali visualizzati sulla cometa (Immagine ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA; M. Massironi et al (2015))

All’European Planetary Science Congress in corso in questi giorni a Nantes, in Francia, sono state presentate le prove che la strana forma del nucleo della cometa 67P/Churyumov–Gerasimenko è dovuta al fatto che essa è nata dalla fusione di due comete piccole avvenuta qualche miliardo di anni fa. Lo studio condotto da un team guidato da Matteo Massironi, ricercatore dell’Università di Padova e associato INAF, è stato pubblicato sulla rivista “Nature”.

Immagine di striature su pendii del cratere Hale su Marte prodotte da flussi stagionali d'acqua (Immagine NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona)

Ieri la NASA ha annunciato l’esistenza di flussi di acqua liquida su Marte. Lo studio, appena pubblicato sulla rivista “Nature Geoscience”, è basato di anni di analisi dei dati raccolti soprattutto grazie alla sonda spaziale MRO (Mars Reconnaissance Orbiter) della NASA. Le immagini catturate dalla sua macchina fotografica e i dati spettrometrici hanno permesso di individuare rivoli d’acqua lungo le pareti di crateri e pendii che variano nel tempo e sali perclorati al loro interno.

L'area a pelle di serpente chiamata Tartarus Dorsa su Plutone (Immagine NASA/JHUAPL/SWRI)

Dopo oltre due mesi da quello straordinario volo ravvicinato a Plutone della sonda spaziale New Horizons della NASA qualcuno potrebbe pensare che i dati arrivati sulla Terra siano sufficienti per conoscere in maniera esauriente questo pianeta nano. La realtà continua a rivelarsi ben diversa su questo piccolo mondo gelato eppure variegato come ci si aspetterebbe da un pianeta attivo geologicamente e con un’atmosfera in grado di erodere il suolo. Ecco allora che l’immagine di una superficie a “pelle di serpente” lascia ancora una volta gli scienziati sorpresi e perplessi.

Mappe dell’abbondanza di ghiaccio d’acqua (a sinistra) e temperature superficiale (a destra) della regione della cometa 67P/Churyumov–Gerasimenko chiamata Hapi (Immagine ESA/Rosetta/VIRTIS/INAF-IAPS/OBS DE PARIS-LESIA/DLR; M.C. De Sanctis et al (2015))

Un articolo appena pubblicato sulla rivista “Nature” descrive una ricerca sul ciclo giornaliero di ghiaccio d’acqua sulla superficie della cometa 67P/Churyumov–Gerasimenko e nelle sue vicinanze. Un team di scienziati guidato da Maria Cristina De Sanctis dell’INAF-IAPS (Istituto Nazionale di Astrofisica – Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali) ha analizzato i dati rilevati dallo spettrometro VIRTIS della sonda spaziale Rosetta dell’ESA scoprendo che in alcune zone il ghiaccio d’aqua scompare di giorno e riappare di notte.

Le montagne e l'atmosfera stratificata di Plutone (Foto NASA/JHUAPL/SwRI)

Le ultime immagini di Plutone appena pubblicate dalla NASA mostrano nuovi dettagli di questo pianeta nano. Finora, le fotografie erano state in genere scattate dalla macchina fotografica LORRI della sonda spaziale New Horizons, queste invece sono state scattate dalla MVIC (Multispectral Visible Imaging Camera), uno dei componenti del piccolo telescopio Ralph in dotazione alla sonda. Queste immagini mostrano in maniera straordinaria montagne, ghiacciai e gli strati caliginosi dell’atmosfera di Plutone.