Lander / Rover

L'area chiamata "Bridger Basin" che include gli obiettivi della ricerca del Mars Rover Curiosity chiamati "Big Sky" e "Greenhorn" (Immagine NASA/JPL-Caltech/MSSS)

Il Mars Rover Curiosity sta trovando molte rocce ricche di silice, un composto formato da silicio e ossigeno, in un’area del Monte Sharp su Marte che sta esplorando da alcuni mesi. Alcuni mesi fa la scoperta di quel tipo di rocce era stata una sorpresa, tanto che i responsabili della missione avevano modificato il programma di ricerca di Curiosity per effettuare analisi più approfondite. Quella decisione ha portato alla scoperta di altre rocce ricche di silice e a ulteriori studi per cercare di spiegarne la presenza.

Schema degli scambi di carbonio su Marte e dei processi di perdita nella sua atmosfera (Immagine Lance Hayashida/Caltech)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Communications” offre una spiegazione alla perdita di carbonio subita dall’atmosfera del pianeta Marte. Un team di scienziati del CalTech (California Institute of Technology) e del Jet Propulsion Laboratory della NASA ha studiato i dati disponibili concentrandosi sul problema del carbonio perché ne è rimasto meno del previsto anche tenendo in considerazione i recenti risultati sulla perdita di atmosfera del pianeta rosso.

L'area di Garden City vista dal Mars Rover Curiosity (Immagine NASA/JPL-Caltech/MSSS)

Al 47° meeting annuale della American Astronomical Society’s Division for Planetary Sciences a National Harbor, nel Maryland, scienziati della missione del Mars Rover Curiosity della NASA hanno presentato i risultati di nuove analisi del sito marziano chiamato Garden City. Si tratta di un’area visitata nel marzo 2015 che è risultata molto interessante dal punto di vista geologico per la sua diversità chimica e per le venature minerali, che sporgono rispetto alle rocce su cui si sono formate.

Il maggior aggiornamento finora compiuto del software che gestisce lo strumento Chemistry and Camera (ChemCam) di Curiosity lo ha potenziato notevolmente. Ha infatti permesso un miglioramento nell’interpretazione dei dati raccolti rendendolo più sensibile a una gamma più ampia di possibili composizioni delle rocce marziane.

Foto della formazione chiamata Kimberley nel cratere Gale scattata dal Mars Rover Curiosity (Foto NASA/JPL-Caltech/MSSS)

Un nuovo studio effettuato dal team che gestisce il Mars Rover Curiosity ha confermato che tra 3,8 e 3,3 miliardi di anni fa c’erano laghi in quello che è oggi il cratere Gale. Al suo centro oggi c’è il monte Sharp, le cui basi sono state formate da sedimenti depositati strato su strato nel corso di un periodo molto lungo. I risultati di questo studio sono appena stati pubblicati sulla rivista “Science”.

Il lander InSight nel "guscio" protettivo durante la fase di test (Foto NASA/JPL-Caltech/Lockheed Martin)

La NASA ha invitato le persone di tutto il mondo a partecipare ad un’iniziativa per inviare il proprio nome su Marte. È sufficiente registrare alcuni dati personali alla pagina approntata dall’agenzia sul suo sito per ottenere una carta d’imbarco virtuale. Tutti i nomi verranno registrati su un microchip che verrà trasportato sul lander InSight, che dovrebbe essere lanciato nel marzo 2016 per atterrare su Marte nel settembre 2016.