Navicelle spaziali

Il cargo spaziale russo Progress M-28M durante l'avvicinamento alla Stazione Spaziale Internazionale (Immagine NASA TV)

Poco fa la navicella spaziale Progress M-28M è attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale. Il cargo spaziale russo, decollato venerdi scorso, trasporta cibo e acqua che assicurano una riserva di circa un altro mese all’equipaggio oltre a esperimenti scientifici, propellente e hardware vario. Per le nazioni che collaborano alla gestione della Stazione è certamente un sollievo dopo i tre fallimenti in meno di un anno, tanto da essere stato definito Natale in luglio.

La navicella spaziale russa Progress M-28M al decollo su un razzo vettore Soyuz U (Immagine NASA TV)

Poche ore fa la navicella spaziale Progress M-28M è partita su un razzo vettore Soyuz U dalla base kazaka di Baikonur nella missione di rifornimento per la Stazione Spaziale Internazionale indicata anche come Progress 60. Meno di dieci minuti dopo il lancio, il cargo spaziale si è separato regolarmente dall’ultimo stadio del razzo, è entrato nell’orbita preliminare e ha dispiegato i pannelli solari e le antenne di navigazione. Dopo i recenti fallimenti in lanci di cargo spaziali, si spera che questa missione torni ad essere la routine a cui ci eravamo abituati.

La navicella spaziale Dragon al decollo sul razzo vettore Falcon 9 all'inizio della missione CRS-7 (Immagine NASA)

Poco fa la navicella spaziale SpaceX Dragon è partita su un razzo vettore Falcon 9 dalla base di Cape Canaveral nella missione CRS-7 (Cargo Resupply Service 7), indicata anche come SpX-7. Doveva essere la settima missione che comprendeva l’invio della navicella spaziale Dragon alla Stazione Spaziale Internazionale con vari carichi. Purtroppo un paio di minuti dopo il lancio qualcosa è andato male provocando la distruzione del razzo e della Dragon.

Foto scattata dalla macchina fotografica a bordo della LightSail che mostra parte della vela solare (Foto The Planetary Society)

The Planetary Society ha dichiarato il successo della missione di test della vela solare LightSail. Partito il 20 maggio 2015 come carico secondario nel lancio dello shuttle militare X-37B, il nanosatellite di classe CubeSat che conteneva la vela solare ha superato vari problemi. Alla fine i sistemi di bordo sono stati testati raccogliendo moltissimi dati utili per la la missione completa prevista per il 2016. Nei giorni scorsi, il prototipo di LightSail è rientrato nell’atmosfera, disintegrandosi.

Il disco volante usato per testare il sistema LDSD durante la fase di preparazione per il secondo test (Foto NASA)

Nel corso della giornata di ieri il sistema della NASA chiamato Low-Density Supersonic Decelerator (LDSD) che servirà per far atterrare veicoli anche molto grossi su Marte ha completato il suo secondo test sopra l’Oceano Pacifico. Il risultato è stato solo parzialmente positivo perché l’enorme paracadute che fa parte di questo sistema si è dispiegato ma non si è aperto correttamente.