La nebulosa Zucca (Immagine ESA/Hubble & NASA. Acknowledgement: Judy Schmidt)

Una fotografia scattata dal telescopio spaziale Hubble ritrae la nebulosa Zucca (in inglese Calabash Nebula), una nebulosa protoplanetaria che mostra una fase dell’agonia di una stella di massa limitata, come il Sole. Questa nebulosa è conosciuta anche con il soprannome nebulosa Uovo Marcio perché il suo studio ha rivelato che nel gas che la circonda c’è un’elevata concentrazione di zolfo, l’elemento che causa la puzza caratteristica delle uova marce.

NGC 4861 (Immagine ESA/Hubble & NASA)

Un team di ricercatori ha proposto una spiegazione per lo strano aspetto della galassia NGC 4861, che ha proprietà di una galassia a spirale barrata ma come aspetto sembra più una galassia nana irregolare. È possibile che sia in atto la produzione di getti di particelle cariche durante una fase di formazione stellare con la generazione di venti galattici che spiegano la strana forma di NGC 4861, simile a una cometa.

Mappa globale dell'umidità del suolo (Immagine MIT/NASA/JPL-Caltech)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Geoscience” descrive un’analisi dei dati raccolti durante il primo anno della missione del satellite SMAP della NASA. I risultati sono stati sorprendenti, in particolare perché i dati riguardanti lo strato superficiale del suolo ha una sorta di memoria delle anomalie meteorologiche, più di quanto si potesse pensare dai modelli teorici o dalle rilevazioni incomplete effettuate prima di questa missione.

La quasar HE0435-1223 con quattro immagini creati dalal lente gravitazionale (Immagine ESA/Hubble, NASA, Suyu et al.)

Una serie di articoli che verranno pubblicati sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” descrive vari aspetti di un nuovo calcolo della costante di Hubble, il valore che indica il tasso di espansione dell’universo. Un team della collaborazione H0LiCOW hanno utilizzato il telescopio spaziale Hubble e altri telescopi per misurare la costante di Hubble sfruttando l’effetto di lente gravitazionale di 5 galassie.

Gruppo di galassie nane (Immagine cortesia Sloan Digital Sky Survey)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Astronomy” descrive la scoperta di sette gruppi di galassie nane che mostrano le condizioni adatte a cominciare processi di fusione che le porterà a formare galassie come la Via Lattea. Un team di ricercatori guidati da Sabrina Stierwalt del National Radio Astronomy Observatory (NRAO) ha identificato i sette gruppi partendo dai dati dell’indagine TiNy Titans (TNT) per poi compiere studi specifici.