ESA

Blog che parlano di attività dell’ESA

Cratere a nord di Hellas Planitia (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

L’ESA ha pubblicato alcune immagini di un cratere con un diametro di oltre 30 chilometri a nord del grande bacino di Hellas Planitia sul pianeta Marte ottenute grazie allo strumento High Resolution Stereo Camera (HRSC) della sonda spaziale Mars Express. L’aspetto del cratere assieme alle valli fluviali più a sud indicano che al momento dell’impatto c’erano acque sotterranee vicino alla superficie. Si tratta di un altro indizio del fatto che anticamente in quella regione vi fosse un lago.

Le ultime foto degli anelli di Saturno scattate dalla sonda spaziale Cassini (Immagine NASA/JPL)

La NASA ha confermato di aver perso i contatti con la sonda spaziale Cassini, che fino all’ultimo stava inviando informazioni mentre scendeva nell’atmosfera del pianeta Saturno e andava verso la sua distruzione. È la fine della missione Cassini-Huygens, una collaborazione tra NASA, ESA e ASI (Agenzia Spaziale Italiana), una delle più straordinarie missioni spaziali della storia.

Le montagne di Thaumasia e Coracis Fossae (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

L’ESA ha pubblicato alcune fotografie scattate dalla sua sonda spaziale Mars Express che mostrano un’area delle montagne di Thaumasia e di Coracis Fossae su Marte. Quest’area è a sud del gigantesco sistema di canyon chiamato Valles Marineris e dei vulcani di Tharsis e mostra le tracce dell’attività che portò alla loro formazione oltre tre miliardi e mezzo di anni fa. Il risultato è una varietà di caratteristiche tra montagne e fosse (graben) tettoniche.

La navicella spaziale Soyuz MS-05 al decollo su un razzo Soyuz (Foto Credit: ESA-Manuel Pedoussaut)

Poche ore fa la navicella spaziale Soyuz MS-05 è partita dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan, e dopo poco più di sei ore ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale con a bordo i tre nuovi membri dell’equipaggio Paolo Nespoli, Randy Bresnik e Sergey Ryazanskiy. La Soyuz ha utilizzato la traiettoria veloce, usata nuovamente in modo regolare dopo l’introduzione della nuova versione di questa navicella spaziale.

Libya Montes (Immagine ESA/DLR/FU Berlin, , CC BY-SA 3.0 IGO)

L’ESA ha pubblicato immagini dell’area del pianeta Marte conosciuta come Libya Montes scattate dalla sua sonda spaziale Mars Express. Si tratta di una catena montuosa vicina all’equatore marziano ed è una delle più antiche di Marte, alterata da processi vulcanici e impatti ma anche da processi associati all’esistenza di fiumi. Nelle immagini è infatti possibile identificare vari canali e valli, tracce degli antichissimi flussi d’acqua.