Lanci

Il cargo spaziale Dragon inizia la missione CRS-13 decollando su un razzo Falcon 9 (Immagine cortesia SpaceX)

Poco fa la navicella spaziale SpaceX Dragon è partita su un razzo vettore Falcon 9 dalla base di Cape Canaveral nella missione CRS-13 (Cargo Resupply Service 13), indicata anche come SpX-13. Dopo poco più di dieci minuti si è separata con successo dall’ultimo stadio del razzo e si è immessa sulla sua rotta. Si tratta della tredicesima missione di invio della navicella spaziale Dragon alla Stazione Spaziale Internazionale con vari carichi con il successivo ritorno sulla Terra, anche in questo caso con vari carichi.

Il satellite JPSS-1 al decollo su un razzo Delta 2 (Immagine NASA TV)

Poco fa satellite JPSS-1 è stato lanciato su un razzo vettore Delta 2 nella configurazione 7920 dalla base di Vandenberg. Dopo quasi un’ora si è separato con successo dall’ultimo stadio del razzo ed è entrato in un’orbita eliosincrona, che significa che sorvolerà ogni area della superficie terrestre sempre alla stessa ora locale, a un’altitudine di circa 824 chilometri.

Il cargo spaziale Cygnus al decollo su un razzo Antares (Foto NASA/Bill Ingalls)

Poco fa la navicella spaziale Cygnus di Orbital ATK è decollata su un razzo vettore Antares dal Mid-Atlantic Regional Spaceport (MARS), parte della Wallops Flight Facility (WFF) della NASA sull’isola Wallops. Dopo circa nove minuti si è separata con successo dall’ultimo stadio del razzo e si è immessa sulla sua rotta. È alla sua ottava missione ufficiale, chiamata Orbital-8 o semplicemente Orb-8 ma anche CRS OA-8, di trasporto di rifornimenti alla Stazione Spaziale Internazionale per conto della NASA.

Il cargo spaziale Progress MS-7 decollo su un razzo vettore Soyuz 2.1a (Immagine NASA TV)

Poco fa la navicella spaziale Progress MS-7 è decollata su un razzo vettore Soyuz 2.1a dal cosmodromo kazako di Baikonur. Dopo circa nove minuti si è separata con successo dall’ultimo stadio del razzo e si è immessa sulla sua rotta. Il cargo spaziale ha iniziato la missione di rifornimento alla Stazione Spaziale Internazionale indicata anche come Progress 68 o 68P.

Il satellite Sentinel-5P al decollo su un razzo vettore Rockot (Foto ESA)

Poco fa, il satellite Sentinel-5P del programma Copernicus / GMES, è stato lanciato dal cosmodromo russo di Plesetsk su un razzo vettore Rockot con uno stadio superiore Briz-KM. Il satellite si è regolarmente separato dall’ultimo stadio del razzo e dopo circa un’ora e mezza ha cominciato a inviare segnali.

Il satellite Sentinel-5P, dove la “P” sta per Precursor, è il primo della costellazione Copernicus dedicato al monitoraggio dell’atmosfera. Il termine Precursor è dovuto al fatto che è il precursore del futuro satellite Sentinel-5 e rappresenta un passo avanti rispetto a Envisat. Andrà a complementare i satelliti meteorologici MetOp di EUMETSAT e a lavorare in coordinazione con la missione americana Suomi-NPP, iniziata nel 2011 con scopi simili.