Lune

Varie immagini della superficie del pianeta nano Plutone (ImmagineNASA/JHUAPL/SwRI)

La NASA ha rilasciato immagini del pianeta nano Plutone e della sua luna principale Caronte che mostrano gran parte della loro superficie. Esse sono formate da composizioni di varie fotografie scattate da due macchine fotografiche della sonda spaziale New Horizons: il Long Range Reconnaissance Imager (LORRI) e la Ralph/Multispectral Visible Imaging Camera. Le fotografie sono state scattate tra il 7 e il 13 luglio scorso, nel corso dell’approccio che ha portato allo straordinario volo ravvicinato del 14 luglio 2015.

Foto di Phobos che mostra le scanalature sulla superficie (Foto NASA/JPL-Caltech/University of Arizona)

Al 47° meeting annuale della American Astronomical Society’s Division for Planetary Sciences a National Harbor, nel Maryland, è stata presentata una ricerca su Phobos, una delle lune del pianeta Marte. Terry Hurford del Goddard Space Flight Center della NASA ha diretto un team di scienziati che ha analizzato le scanalature sulla superficie di Phobos. La conclusione è che si tratta dei primi segni di un cedimento strutturale che porterà alla distruzione di questa luna.

L'area attorno al polo nord di Encelado con i suoi tanti crateri fotografata dalla sonda spaziale Cassini (Foto NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute)

Nei giorni scorsi la sonda spaziale Cassini ha compiuto uno dei voli più ravvicinati a Encelado, una delle lune di Saturno, passando a una distanza di circa 1.840 chilometri dalla sua superficie. Le prime foto ricevute dal centro controllo missione mostrano che il polo nord di Encelado ha molte fratture nella crosta di ghiaccio che copre questa luna ma ci sono anche crepe sottili che lo attraversano e molti crateri attorno ad esso.

Foto di Caronte scattata dalla sonda spaziale New Horizons (Immagine NASA/JHUAPL/SwRI)

Se le immagini del pianeta nano Plutone pubblicate dalla NASA negli ultimi mesi non vi sono bastate, ora sono state rese disponibili anche foto ad alta risoluzione di Caronte, la sua luna più grande. Le prime immagini arrivate subito dopo il volo ravvicinato della sonda spaziale New Horizons del 14 luglio 2015 avevano già mostrato una luna con una geologia complessa. Queste nuove immagini mostrano ancor meglio le profonde voragini che solcano il suo equatore e la curiosa colorazione del polo nord.

Illustrazione artistica dell'interno di Encelado con un oceano sotterraneo globale (Immagine NASA/JPL-Caltech)

Un articolo appena pubblicato sulla rivista “Icarus” descrive una ricerca che ha utilizzato dati raccolti dalla sonda spaziale Cassini per determinare che Encelado, una delle lune di Saturno, possiede un oceano globale sotterraneo. Che ci fosse un oceano sotto la superficie ghiacciata di Encelado era un fatto ormai accertato da ricerche precedenti ma rimaneva da capire se l’acqua fosse allo stato liquido in tutto il sottosuolo o solo in alcune aree sufficientemente calde.