NASA

Perseverance Valley (Immagine NASA/JPL-Caltech/Cornell/Arizona State Univ.)

Il Mars Rover Opportunity della NASA sta lavorando in un’antica valle sul versante interno del bordo del cratere Endeavour chiamata “Perseverance Valley” esaminando rocce e girando attorno nell’area per compiere rilevamenti della zona. Secondo i piani, una volta completati questi lavori Opportunity scenderà verso la parte più bassa della valle ma la manovra dovrà essere ancora più prudente del previsto a causa di un problema riscontrato nel sistema di sterzata di una delle ruote.

Spicole solari osservate e simulate (Immagine Nasa-Iris, Università di Oslo, Swedish Solar Telescope)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Science” descrive una ricerca che offre una spiegazione all’origine delle spicole solari, getti intermittenti di plasma che si propagano dalla cromosfera solare fino alla base della corona a velocità molto elevate. Un team di ricercatori ha creato simulazioni al computer e le ha confrontate con osservazioni effettuate dalla sonda spaziale IRIS della NASA e dallo Swedish Solar Telescope situato alle isole Canarie che hanno confermato la validità dei modelli.

I candidati esopianeti del nuovo catalogo (Immagine NASA/Ames Research Center/Wendy Stenzel)

In una conferenza stampa, la NASA ha presentato il nuovo catalogo di candidati esopianeti prodotto grazie alle osservazioni del suo telescopio spaziale Kepler. I candidati esopianeti sono in totale 4.034 dei quali 2.335 sono stati confermati come realmente esistenti. Ci sono 219 nuovi candidati dei quali 10 potrebbero avere dimensioni simili alla Terra e allo stesso tempo trovarsi nell’area abitabile del loro sistema solare.

Area alla base del Monte Sharp (Immagine NASA/JPL-Caltech/MSSS)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Earth and Planetary Science Letters” descrive uno studio dei primi campioni prelevati negli strati più bassi del Monte Sharp su Marte dal Mars Rover Curiosity della NASA. Un team di scienziati della divisoine ARES del Johnson Space Center della NASA ha confrontato i minerali trovati nei primi campioni analizzati, i quali mostrano le diverse condizioni ambientali che sono esistite nel corso del tempo.