NASA

Plutone e Caronte fotografati dalla sonda spaziale New Horizons l'11 luglio 2015 (Foto NASA-JHUAPL-SWRI)

Oggi la sonda spaziale New Horizons della NASA effettuerà il tanto atteso passaggio ravvicinato a Plutone. Quando in Italia sarà pomeriggio, essa passerà a una distanza che raggiungerà un minimo di 12.500 chilometri dal pianeta nano. Tutti gli strumenti di New Horizons verranno usati per analizzare Plutone come mai prima ma del tempo verrà dedicato anche alle sue lune, soprattutto Caronte.

La navicella spaziale Dragon al decollo sul razzo vettore Falcon 9 all'inizio della missione CRS-7 (Immagine NASA)

Poco fa la navicella spaziale SpaceX Dragon è partita su un razzo vettore Falcon 9 dalla base di Cape Canaveral nella missione CRS-7 (Cargo Resupply Service 7), indicata anche come SpX-7. Doveva essere la settima missione che comprendeva l’invio della navicella spaziale Dragon alla Stazione Spaziale Internazionale con vari carichi. Purtroppo un paio di minuti dopo il lancio qualcosa è andato male provocando la distruzione del razzo e della Dragon.

Terry Virts, Anton Shkaplerov e Samantha Cristoforetti assistiti dopo l'atterraggio con la navicella spaziale Soyuz TMA-15M (Foto NASA TV, Anatoly Zak)

Poco fa, l’astronauta Terry Virts della NASA, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov, e l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti, sono tornati sulla Terra sulla navicella spaziale Soyuz TMA-15M, atterrata senza problemi in Kazakistan. I tre hanno trascorso quasi sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, dove erano arrivati il 24 novembre 2014. Inizialmente, erano parte della Expedition 42, nella seconda metà della loro permanenza sono stati parte della Expedition 43 con Terry Virts come comandante della Stazione.

Il disco volante usato per testare il sistema LDSD durante la fase di preparazione per il secondo test (Foto NASA)

Nel corso della giornata di ieri il sistema della NASA chiamato Low-Density Supersonic Decelerator (LDSD) che servirà per far atterrare veicoli anche molto grossi su Marte ha completato il suo secondo test sopra l’Oceano Pacifico. Il risultato è stato solo parzialmente positivo perché l’enorme paracadute che fa parte di questo sistema si è dispiegato ma non si è aperto correttamente.

Schema del sistema di Plutone (Immagine NASA/STScI/Showalter)

Un articolo appena pubblicato sulla rivista “Nature” descrive una ricerca su Plutone e sulle sue lune che mostra come due di esse, Notte e Idra (in inglese Nix e Hydra), ruotino su se stesse in maniera incontrollata e imprevedibile. Questo studio è basato su un’analisi delle osservazioni effettuate usando il telescopio spaziale Hubble ma a causa della notevole distanza sono tutt’altro che complete. Per questo motivo, è possibile che le altre due piccole lune di Plutone, Cerbero e Stige (in inglese Kerberos e Styx), siano nella stessa situazione.