NASA

Foto di Phobos che mostra le scanalature sulla superficie (Foto NASA/JPL-Caltech/University of Arizona)

Al 47° meeting annuale della American Astronomical Society’s Division for Planetary Sciences a National Harbor, nel Maryland, è stata presentata una ricerca su Phobos, una delle lune del pianeta Marte. Terry Hurford del Goddard Space Flight Center della NASA ha diretto un team di scienziati che ha analizzato le scanalature sulla superficie di Phobos. La conclusione è che si tratta dei primi segni di un cedimento strutturale che porterà alla distruzione di questa luna.

Mappe tridimensionali di Wright Mons e Piccard Mons. Il blu indica le altitudini minori, il marrone quelle maggiori e il verde quelle intermedie (Immagine NASA/JHUAPL/SwRI)

Il team che si occupa della missione New Horizons della NASA sta presentando le ultime scoperte sul pianeta nano Plutone al 47° meeting annuale della American Astronomical Society’s Division for Planetary Sciences a National Harbor, nel Maryland. I dati raccolti dalla sonda spaziale nel corso del volo ravvicinato del 14 luglio 2015 hanno permesso di individuare possibili criovulcani. I dati relativi alle piccole lune di Plutone sono limitati ma fanno pensare sempre di più che almeno Cerbero e Idra siano il risultato della fusione di due o più asteroidi.

Rappresentazione artistica di una tempesta solare mentre strappa via gas dall'atmosfera di Marte (Immagine NASA/GSFC)

Ben due riviste ospitano una serie articoli che descrivono i risultati di un anno della missione della sonda spaziale MAVEN della NASA, “Science” e “Geophysical Research Letters”. Le conclusioni sui motivi per cui Marte ha perso la maggior parte della sua atmosfera sono state anche spiegate in una conferenza stampa della NASA tenuta ieri. In poche parole, la colpa è del vento solare, che ha potuto portare via l’atmosfera grazie all’assenza di un campo magnetico protettivo trasformando un pianeta che in origine era simile alla Terra nel desolato pianeta rosso che conosciamo oggi.

La Stazione Spaziale Internazionale fotografata da un membro dell'equipaggio dello Space Shuttle Atlantis il 23 maggio 2010 (Foto NASA)

Il 2 novembre 2000 i primi tre membri dell’equipaggio raggiunsero la Stazione Spaziale Internazionale per iniziare i lavori in quello che allora era il nuovo avamposto dell’umanità. Con quell’atto, l’astronauta americano Bill Shepherd e i cosmonauti russi Yuri Gidzenko e Sergei Krikalev vi stabilirono una presenza umana ininterrotta. Nel corso degli anni, la Stazione è stata espansa fino ad assumere la configurazione attuale sviluppando possibilità sempre più ampie di compiere ricerche che hanno portato e porteranno vari sviluppi tecnologici e scientifici.

Schema dell'espulsione coronale. A sinistra, la corona si raccoglie verso l’interno, al centro diventa luminosa e a destra prima di essere espulsa dal buco nero (Immagine NASA/JPL-Caltech)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” descrive l’osservazione dettagliata di un’enorme eruzione di raggi X da parte di un buco nero supermassiccio conosciuto come Markarian 335 o Mrk 335. I telescopi spaziali Swift e NuSTAR sono stati usati per esaminare questo fenomeno di proporzioni gigantesche concludendo che è stato originato da un’espulsione coronale.