Pianeti

Concetto artistico del confronto tra Marte com'è oggi e com'era 4 miliardi di anni fa (Immagine NASA’s Goddard Space Flight Center)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Science” descrive una ricerca sull’atmosfera del pianeta Marte che indica il vento e le radiazioni solari come principali responsabili del fatto che oggi quell’atmosfera sia così sottile. Un team guidato da Bruce Jakosky, principale investigatore della missione della sonda spaziale MAVEN della NASA, ha esaminato le misurazioni dei gas presenti stimando ad esempio che il 65% dell’argo presente in origine è andato perduto nello spazio. Questa ricerca conferma quella pubblicata nel novembre 2015.

Arsia Mons (Immagine NASA/JPL/USGS)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Earth and Planetary Science Letters” descrive una ricerca sull’Arsia Mons, un vulcano del pianeta Marte. Un team guidato da Jacob Richardson del Goddard Space Flight Center della NASA ha esaminato immagini ad alta risoluzione scattate dalla sonda spaziale MRO (Mars Reconnaissance Orbiter) per stabilire che l’Arsia Mons ebbe un picco di attività circa 150 milioni di anni fa e che la sua ultima attività terminò probabilmente circa 50 milioni di anni fa.

La grande macchia bianca al centro del cratere Occator (Immagine NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA/PSI/LPI)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Astronomical Journal” descrive una ricerca che fornisce una datazione alla grande macchia bianca nel cratere Occator del pianeta nano Cerere. Un team di ricercatori guidati da Andreas Nathues del Max Planck Institute for Solar System Research (MPS) di Gottinga, in Germania, ha usato dati raccolti dalla sonda spaziale Dawn della NASA per analizzare l’interno di Occator concludendo che la macchia bianca ha 4 milioni di anni, 30 milioni in meno del cratere.

Le Kasei Valles (Foto ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO)

L’ESA ha pubblicato nuove fotografie del sistema di canali delle Kasei Valles su Marte catturate dallo strumento High Resolution Stereo Camera (HRSC) della sonda spaziale Mars Express. I dati raccolti indicano che le Kasei Valles sono state generate da una serie di alluvioni giganti e non da un flusso continuo di acqua sulla superficie. Oggi questo sistema di canali è uno dei più grandi di Marte e si estende per 3.000 chilometri da Echus Chasma, vicino alle Valles Marineris, fino a Chryse Planitia.

Disco protoplanetario con la trappola di polvere indicata come un anello brillante (Immagine Jean-Francois Gonzalez)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society” descrive una ricerca che offre una spiegazione a uno degli ultimi misteri esistenti riguardo alla formazione dei pianeti. Un team internazionale di ricercatori ha condotto una serie di simulazioni che mostrano che nel disco protoplanetario che ruota attorno a una giovane stella si formano trappole di polvere che accelerano l’aggregazione di frammenti delle dimensioni di sassi nei blocchi da cui nascono i pianeti.