Pianeti

Concetto artistico del sistema di Epsilon Eridani (Immagine NASA/SOFIA/Lynette Cook)

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astronomical Journal” descrive una ricerca sul sistema di Epsilon Eridani (eps Eri) che ne mostra le similitudini con il sistema solare. Un team guidato da Kate Su dell’Università dell’Arizona ha utilizzato il telescopio volante SOFIA per osservare una cintura di asteroidi e una banda di detriti con alcune similitudini con la fascia di Kuiper.

Alcuni dati raccolti dallo strumento RPWS (Immagine NASA/JPL-Caltech/University of Iowa)

I primi risultati dell’analisi dei dati raccolti dalla sonda spaziale Cassini nel corso del suo tuffo nello spazio tra il pianeta Saturno e i suoi anelli compiuto il 26 aprile 2017 hanno fornito una notevole sorpresa. I ricercatori hanno scoperto che gli strumenti di Cassini hanno registrato la presenza di pochissime particelle nel corso dell’attraversamento di quello spazio e tutte di dimensioni davvero minuscole, dell’ordine del micron. Si tratta di un mistero a cui i ricercatori sperano di trovare una spiegazione.

Il vortice al polo nord di Saturno (Foto NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute)

La NASA ha cominciato a pubblicare le prime fotografie scattate dalla sonda spaziale Cassini dopo la sua discesa nello spazio che separa il pianeta Saturno dai suoi anelli. Si tratta delle foto più ravvicinate mai scattate durante una manovra rischiosa per Cassini, compiuta solo perché fra pochi mesi terminerà la sua missione perciò è stato deciso che vale la pena farle correre dei rischi per raccogliere dati a distanza ravvicinata.

Concetto artistico del pianeta LHS 1140b che sta per passare davanti alla sua stella (Immagine M. Weiss/CfA)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive la scoperta di una super-Terra chiamata LHS 1140b. Un team guidato da Jason Dittmann dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA) ha usato lo strumento HARPS installato sul telescopio di 3,6 metri dell’ESO a La Silla, in Cile, per studiare quell’esopianeta dopo averlo identificato con il telescopio MEarth-South situato ac Cerro Tololo Inter-American Observatory. La sua posizione nella zona abitabile del suo sistema solare lo rende particolarmente interessante.

2014 UZ224 / DeeDee visto da ALMA (Immagine ALMA (ESO/NAOJ/NRAO))

Un articolo accettato per la pubblicazione sulla rivista “Astrophysical Journal Letters” descrive la ricerca che ha seguito la scoperta di un possibile pianeta nano chiamato 2014 UZ224 e soprannominato DeeDee (da Distant Dwarf, nano lontano). Un team guidato da David Gerdes dell’Università del Michigan ne aveva annunciato la scoperta nell’ottobre 2016 e ora grazie a un’ulteriore osservazione effettuata con il radiotelescopio ALMA ha valutato altre sue caratteristiche.