C’è molta acqua sul caldissimo esopianeta WASP-39b

Concetto artistico di WASP-39b vicino alla sua stella (Immagine NASA, ESA, and G. Bacon (STScI))
Concetto artistico di WASP-39b vicino alla sua stella (Immagine NASA, ESA, and G. Bacon (STScI))

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astronomical Journal” descrive uno studio dell’esopianeta WASP-39b. Un team di ricercatori guidato da Hannah Wakeford dell’Università Exeter e dello Space Telescope Science Institute ha usato i telescopi spaziali Hubble e Spitzer per scoprire le tracce di acqua nell’atmosfera di questo gigante gassoso molto vicino alla sua stella. Questi pianeti sono classificati come gioviani caldi anche se in questo caso le caratteristiche sono paragonabili a quelle di Saturno. La mappa più completa finora creata dell’atmosfera di un esopianeta ha mostrato una quantità notevole d’acqua.

Distante circa 700 anni luce dalla Terra, l’esopianeta WASP-39b orbita attorno alla stella WASP-39, la quale ha una massa molto simile a quella del Sole. La massa di WASP-39b è simile a quella di Saturno perciò è stato definito un Saturno caldo ed è facile paragonare la situazione dei due pianeti e capirne le profonde differenze.

La distanza di WASP-39b dalla sua stella è circa un ventesimo di quella della Terra dal Sole con la conseguenza che il suo anno dura solo quattro giorni terrestri. I ricercatori hanno stimato che la temperatura sul lato di quest’esopianeta esposto alla sua stella è di quasi 800° Celsius. Potenti venti trasportano il calore in giro per il pianeta e il gas così caldo si dilata notevolmente perciò WASP-39b è più grande di Giove.

Una delle caratteristiche dell’esopianeta WASP-39b è la mancanza di nuvole ad alta quota, un bel vantaggio nelle osservazioni. Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal” nel giugno del 2016 aveva suggerito che è normale trovare acqua nei pianeti di tipo gioviano caldo ma la presenza di nuvole può impedirne la rilevazione.

Il risultato delle osservazioni è che l’esopianeta WASP-39b possiede circa il triplo di acqua rispetto a Saturno. Si tratta di una quantità sorprendente che è stata interpretata come un indizio delle origini di questo pianeta. Secondo i ricercatori, esso si è formato molto più lontano dalla sua stella, dove è stato bombardato da materiali ghiacciati che sono penetrati nella sua atmosfera.

Secondo questa ricostruzione, solo in un secondo tempo WASP-39b si è spostato avvicinandosi alla sua stella, forse distruggendo altri pianeti più piccoli. Se si fosse formato nella sua orbita attuale, i materiali ghiacciati sarebbero stati attratti dalla stella ed esso non conterrebbe tanta acqua.

La formazione dei gioviani caldi e la migrazione planetaria sono due tra i problemi che gli astronomi stanno studiando e WASP-39b ha fornito interessanti indizi. Hannah Wakeford ha dichiarato che quest’esopianeta mostra come la formazione planetaria sia più complicata di quanto si pensasse e ciò è fantastico.

In campo scientifico le sorprese possono fornire indizi utili a risolvere qualche mistero. Per questo motivo lo studio dell’esopianeta WASP-39b continuerà ed esso è stato aggiunto agli obiettivi delle osservazioni programmate con il telescopio spaziale James Webb, il cui lancio è previsto nel 2019.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *