Kepler-1649c è un esopianeta con dimensioni molto simili alla Terra scoperto grazie a una verifica umana

Concetto artistico dell'esopianeta Kepler-1649c e della sua stella (Immagine NASA/Ames Research Center/Daniel Rutter)
Concetto artistico dell’esopianeta Kepler-1649c e della sua stella (Immagine NASA/Ames Research Center/Daniel Rutter)

Un articolo pubblicato sulla rivista “The Astrophysical Journal Letters” riporta la scoperta dell’esopianeta Kepler-1649c, che ha dimensioni molto simili a quelle della Terra e orbita nell’area abitabile del suo sistema. Un team di ricercatori guidato da Andrew Vanderburg dell’Università del Texas a Austin ha rianalizzato dati raccolti dal telescopio spaziale Kepler della NASA e successivamente analizzati tramite un software apposito. Un solo esopianeta era stato inizialmente confermato in quel sistema mentre un altro candidato era stato scartato. La verifica umana ha portato invece alla conferma del pianeta che è stato catalogato come Kepler-1649c. Le caratteristiche orbitali dei due pianeti suggeriscono la possibilità che ne esista un terzo, anche se per ora i ricercatori non sono riusciti a trovarne tracce.

La missione del telescopio spaziale Kepler è terminata il 30 ottobre 2018 lasciando un tesoro di alcune migliaia di esopianeti confermati e moltissimi candidati ancora da verificare. L’enorme quantità di dati viene analizzata da sistemi automatici che tra le altre cose scartano i candidati esopianeti quando vengono ritenuti falsi positivi perché qualche fenomeno cosmico ha generato una traccia simile al passaggio di un esopianeta tra la sua stella e Kepler. Questi sistemi sono stati perfezionati nel corso degli anni, tuttavia non sono perfetti perciò è possibile che un candidato sia stato scartato erroneamente. Per questo motivo il team della missione Kepler ha formato il False Positive Working Group (FPWG) per ricontrollarli e nel caso del candidato che era stato catalogato come KOI 3138.02 il controllo umano ha rivelato l’esistenza di un esopianeta che è pure molto interessante.

Il sistema di Kepler-1649, designato come KOI 3138 dove KOI sta per “Kepler Object of Interest” nella missione, era stato osservato più volte dal telescopio spaziale Kepler tra il 2010 e il 2013. Distante circa 300 anni luce dalla Terra, la stella è una nana rossa le cui dimensioni sono circa un quarto di quelle del Sole. Varie tracce di transiti di fronte ad essa portarono alla creazione di due candidati esopianeti ma solo Kepler-1649b venne confermato. Si tratta di un pianeta che è stato paragonato a Venere perché ha dimensioni leggermente superiore a quelle di Terra e Venere ma con un anno della durata di circa 8,7 giorni terrestri riceve una notevole quantità di energia anche se la sua stella è piccola.

La scoperta che dopotutto c’è un secondo esopianeta in quel sistema si è rivelata molto interessante perché Kepler-1649c ha dimensioni molto simili a quelle della Terra e con un anno della durata di 19,5 giorni terrestri riceve una quantità di energia dalla sua stella che è circa il 75% di quella che la Terra riceve dal Sole. In sostanza, se Kepler-1649c ha un’atmosfera simile a quella terrestre vi potrebbe fare freddo ma potrebbe essere abitabile.

La presenza di due pianeti rocciosi nel sistema di Kepler-1649 è particolarmente eccitante per Andrew Vandenburg non solo perché quello scartato per errore è nella sua area abitabile ma anche per la possibile interazione con il suo vicino. Tra due o più pianeti può esistere quella che viene chiamata risonanza orbitale e in questo caso 9 anni di Kepler-1649b equivalgono quasi esattamente a 4 anni di Kepler-1649c. Il rapporto 9/4 è inusuale e i ricercatori sospettano che un terzo pianeta possa orbitare tra i due creando risonanze più comune come 3/2. Tuttavia, almeno per ora i ricercatori non hanno trovato tracce di un terzo pianeta ma esso potrebbe essere sfuggito alle osservazioni se è più piccolo, tipo Marte o Mercurio per continuare le similitudini con i pianeti del sistema solare, o avere un’orbita inclinata per cui non è mai passato tra la sua stella e Kepler.

La scoperta dell’esopianeta Kepler-1649c ha portato a nuovi commenti sul presunto gemello della Terra. L’immagine in basso (NASA/Ames Research Center/Daniel Rutter) ne mostra le dimensioni quasi identiche ma per il resto sappiamo davvero poco di questo esopianeta. Saranno necessarie osservazioni mirate per cercare di capire se Kepler-1649c abbia un’atmosfera e in caso positivo se sia simile a quella terrestre. La sua stella è piccolina ma le nane rosse possono essere molto attive devastando le atmosfere dei loro pianeti con potenti brillamenti. Kepler-1649c si unisce al gruppo di alcuni esopianeti con dimensioni vicine a quelle della Terra nell’area abitabile del loro sistema ma c’è ancora molto lavoro per avere la certezza che uno di essi possa davvero ospitare forme di vita simili a quelle terrestri.

Confronto tra la Terra e Kepler-1649c

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *